Utente 740XXX
Gentilissimi medici, so no un ragazzo di 19 anni pratico sport regolarmente e non fumo ne bevo alcolici. Il mio problema consiste nel mal di testa. Esso è praticamente sempre presente da circa un anno e mi sta rendendo la vita impossibile questo è associato a nausea stanchezza depressione. Il dolore è immune ai normali antidolorifici e al mattino, appena sveglio secerno muco normale. A questo, poi si è associato da circa due settimane un dolore alla zona sinistra del polmone che va ad intermittenza e assomiglia molto a dei crampi molto violenti che mi impediscono di respirare e quindi come conseguenza sento il bisogno di inspirare spesso anche se così facendo avverto dolore intenso. Sottolineando che sono un soggetto ansioso affetto dalla sindrome del colon irritabile chiedo cortesemente un responso per effettuare esami mirati dato che la mia situazione economica non mi consente esami e viste costose e anche di stare tranquillo perchè sono disperato e preoccupato. Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria Morena Morelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
ancor prima di sottoporsi ad esami diagnostici, l'iniziale valutazione è anamnestica-clinica.
Le consiglio di sottoporsi a valutazione presso il Suo medico di base il quale potrà raccogliere una anamnesi (storia clinica) dettagliata (es. mal di testa da cervicalgia (?), modificabile con le variazioni di posizione (?), anomale posture (?), variazioni della pressione arteriosa (?), etc..) e potrà, soprattutto, VISITARLA (valutazione clinica generale - "..nausea, stanchezza, depressione.." e nello specifico - "...un dolore alla zona sinistra del polmone che va ad intermittenza.." - del torace).
Dopo la suddetta valutazione sarà possibile porre le basi per delle 'ipotesi di diagnosi' ed indirizzarla, se necessario, verso esami diagnostici mirati.
Nel frattempo, nei limiti del possibile, cerchi di tranquillizzarsi e consideri che eventuali stati di ansia (“...sono un soggetto ansioso..”) potrebbero indurre 'somatizzazione' e conseguentemente incrementare la soggettività del Suo stato clinico

Dott.ssa M.M.Morelli