Utente 314XXX
Buonasera volevo chiedere un consulto:
Io ho appena fatto un intervento di ablazione per una tachicardia da rientro nodale, mi hanno trovato il punto dove andare ad ablare, ora tra un mese devo fare altri esami però al 95% è andato bene..
Prendevo almarytium prima dell'intervento, ora mi hanno levato le pastiglie... Io soffrivo anche di extrasistoli atriali sporiadiche che sentivo sempre e mi creavano molto disagio, ora dopo l'intervento le sento ancora però il primario che mi ha operato mi disse che sono fisiologiche e di non dare importanza... Ora vi chiedo, perché non sono sparite dopo l'intervento? Potrei chiedere un aiuto di tipo farmacologico per non sentire queste extrasistoli?
Grazie mille!
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Una cosa sono le extrasistoli , un'altra la tachicardia da rientro intranodale che e' stata trattata con l'ablazione delle via anomala.
Esegua un Holter in modo da verificare la quantita' e la qualita' delle aritmie che la disturbano.
Una volta eseguito tale esame potra' essere presa in considerazione una eventuale terapia farmacologica.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno ho già fatto l'holter e devo rifarlo a fine maggio, in quello precedente avevo una quarantina di bevs isolate monoforme non precoci.
Grazie mille per la risposta.
Saluti.