Utente 342XXX
Salve gentili Dottori. Ho recentemente effettuato una ecografia peniena dinamica e il referto recita testualmente "modesto edema/imbibizione del tessuto dartoico, subdartoico e cutaneo al terzo medio e prossimale dell'asta". Il resto (corpi cavernosi, corpo spongioso, tunica albuginea, testosteronemia, ecc..) è tutto regolare e nella norma.
Terapia: Linfadren 1 cp al mattino e 1 alla sera per 2 mesi e Cialis 5 mg 1 cp al giorno per 2 mesi.
Il problema è che questo edema ce l'ho da circa un anno, in sostanza non si è riassorbito e negli ultimi mesi sembra anche essersi "indurito". L'erezione non è compromessa, ma è fortemente compromessa la sensibilità e l'erogenicità del pene stesso, difatti ho un'eiaculazione estremamente ritardata anche dopo diversi giorni di astinenza. In erezione il pene appare rigonfio, "ingrossato", e a volte anche dolente.
L'urologo che mi ha visitato ha detto che possiamo vederci a fine cura, quindi tra circa 2 mesi e a quel punto valutare la situazione, eventualmente anche con una risonanza magnetica.
Ora la mia domanda è questa: poichè a mio avviso il problema sembra essersi cronicizzato, se non dovessi ottenere dei miglioramenti con la terapia a base di Linfadren (che sto assumendo già da quasi un mese) e Cialis quali prospettive mediche e/o chirurgiche si possono adottare per affrontare il problema?
Grazie per la cortese risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Penso che la cosa più importante sia capire la causa dell'edema. Un anamnesi adeguata ed eventualmente un set di analisi potrebbero esserLe utili. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

un linfedema, stasi linfatica si determina in genere per un "blocco" dei sottilissimi dotti linfatici che dreanano la linfa. Tale blocco potrebbe essere stato determinato da un'evento patologico che abbia riguardato la base del pene o la regione sovrapubica.
A distanza è difficile esprimere giudizi "fondati" in merito.
personalmente non capisco la prescrizione del cialis
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dottori per la celere risposta!
Ho omesso di scrivere che qualche giorno prima dell'eco peniena ho eseguito un'eco addome completo (sempre su indicazione dell'urologo). Copio anche qui il referto: "Prostata, indagata per via sovrapubica, di 4 cm circa di diametro trasverso, caratterizzata da grossolane aree fibrocalcifiche nel contesto da verosimili esiti di pregresse flogosi".
Non l'ho scritto prima perchè l'urologo non ha dato peso a questa cosa. Ora leggendo i Vostri commenti mi viene il dubbio che un collegamento tra le due cose magari possa esserci. La prostatite per la cronaca è stata asintomatica.
Io ho la sensazione che il Linfadren, essendo un "semplice" integratore non sia sufficiente nel mio caso, anche se terminerò sicuramente la cura prescrittami.
Volevo sapere in teoria quali altre armi abbiamo a nostra disposizione per cercare di drenare o rimuovere questo edema/imbibizione?
[#4] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Vorrei chiedere inoltre se a questo punto il problema rimane di competenza uro-andrologica visto il loco dove è ubicato l'edema, oppure se sarebbe più indicato farsi visitare da un linfologo?
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

il suo problema potrebbe essere abbastanza "sfaccettato" e richiedere competenze diverse. non so chi sia un "linfologo"
senta un buon urologo in una struttura ospedaliera
cari saluti
[#6] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dr. Pozza per la cortese risposta!
Ha ragione, il problema è "sfaccettato", in quanto, essendo interessati anche i tessuti cutanei, entriamo anche nel campo della dermatologia.
Comunque provvederò al più presto ad effettuare ulteriori accertamenti.