Utente 342XXX
La quasi completa assenza di sperma durante l'orgasmo con dolore sovrapubico che persiste per giorni dopo il tentativo di eiaculazione puo' essere causato da una prostatite?
Il primo urologo che ho interpellato sembra essere sicuro si tratti di prostatite, mentre il secono ipotizza una ostruzione dei dotti eiaculatori (nonostamte l'ecografia transrettale non evidenzi niente di anomalo) e suggerisce una risonanza magnetica con contrasto e bobina rettale.

Voi cosa ne pensate? Potrebbe anche trattarsi "solo" di prostatite o visti i sintomi e la durata e' assai improbabile come cosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
propendo per la seconda ipotesi.
[#2] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la celere risposta,
In questo caso l'unica soluzione e' quella chirurgica?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mica vero. Aspettiamo dati di esame.
[#4] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
"Mica vero"??
Se non le dispiace potrebbe spiegarmi meglio? Sono preoccupatissimo e ogni barlume di speranza puo' essermi di aiuto....considerando che per l'esame dovro' aspettare ancora almeno un paio di settimane..
[#5] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
il dottore che doveva prenotarmi la risonanza magnetica non si fa piu` vivo, e non risponde neanche al telefono...
conosce qualche buon andrologo a Genova da consigliarmi?
[#6] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
come non detto, finalmente son riuscito a contattarlo. il prossimo mese dovrei riuscire a fare l`esame.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Magari basta una terapia antiinfiammatoria.
[#8] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Dr. Cavallini, la ringrazio ancora per le sue risposte.
Spero davvero sia qualcosa di trattabile con antiinfiammatori.
Per ora ho fatto 10 giorni con Orudis 200 e il dolore post-eiaculatorio e` diminuito sensibilmente, purtroppo pero` la quantita` dell`eiaculato e` rimasta molto molto scarsa.
Aspettero` di poter fare gli ulteriori accertamenti in programma, e nel frattempo vorrei porle alcune domande:

1) la presenza di sperma (ben visibile ad occhio nudo) nelle urine post-coito cosa puo` indicare? E` compatibile con la diagnosi di ostruzione dei dotti eiaculatori o e` indicativo di qualche altro problema?
2) e` controindicato avere rapporti sessuali nella mia attuale situazione? lo sperma che non fuoriesce durante l`eiaculazione rimane "incastrato" nella prostata e causa infiammazione con possibile peggioramento della situazione o posso stare tranquillo e continuare ad avere rapporti?
[#9] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
piccolo aggiornamento: ieri ho effettuato una nuova ecografia transrettale, e anche in questo caso non e` stato rilevato nulla di anomalo...
ovviamente io non sono un dottore, ma da quel poco che ne ho capito informandomi sul web mi verrebbe da pensare a fare una cistografia per escludere un eventuale stenosi uretrale...anche se il medico non me l`ha proposta...
lei crede che la mia ipotesi sia verosimile vista la presenza di sperma (ben visibile ad occhio nudo) nelle urine post coito?
potrebbe trattarsi anche "soltanto" della prostata che infiammata "stringe" l`uretra?
lei cosa mi consiglierebbe di fare?
[#10] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Aggiornamento: effettuata la ricerca di spermatozoi nelle urine.
Risultato 15-20 Alquanti nemaspermi
Anche i leucociti erano presenti (500).

Cosa ne pensa?
[#11] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
chiedo venia, 15-20 erano "cellule delle basse vie urinarie", per quanto riguarda gli spermatozoi dice solo "alquanti nemaspermi".
[#12] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il problema sembra essere oltre che probabilmente ostruttivo anche neurologico: sembra che eiaculi all' indietro. Da indagare la funzionalità neurologica e la presenza o meno di diabete.
[#13] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
L`eiaculazione retrograda non potrebbe anche essere dovuta ad un ostruzione a livello uretrale? Ritiene opportuno effettuare una cistografia per escludere questa causa o suggerisce di escludere prima un problema neurologico?
[#14] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Difficile ma posssibile. Ok per cistografia.
[#15] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio, le faro` sapere i risultati non appena avro` provveduto ad effettuare risonanza magnetica, cistografia ed eventuale visita neurologica.
[#16] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Ho un ulteriore dubbio: l`ultima ecografia transrettale eseguita in ospedale riporta una prostata di dimensioni 4.2, 2.8, 4.5.
Per quel poco che ho letto in giro su internet mi sembrano dimensioni esagerate...lei cosa ne pensa? Se questo aumento di dimensioni e` causato dall`infiammazione una volta curata la prostatite le dimensioni tenderanno a diminuire?? Il flusso urinario sembra essere decisamente diminuito rispetto a prima dell`inizio dei miei disturbi...
[#17] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
E' grandicella, ma bisogna capire se è prostatite o altro ed a questo sta provvedendo il collega, e bene a quanto vedo. E comunque gli accertamenti indicati sono congrui. Valuti la possibilità col neurologo di tests elettrofisologici: non sono il massimo della ptrecisone, ma potrebbero essere di aiuto.
[#18] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
L`aumento delle dimensioni prostatiche potrebbe quindi esser dovuto a qualcos`altro?
Per quanto riguarda un eventuale problema neurologico non avrei dovuto avere altri sintomi oltre all`eiaculazione retrograda? Ovviamente provvedero` a fare questi accertamenti, visto che mi son stati consigliati sia da lei che dall`urologo che mi sta seguendo, ma nella mia ignoranza mi sembra molto strano che un problema neurologico mi dia solamente questo problema.

Un altro dubbio, sempre causato dalla mia "ignoranza" in materia e`:
il problema degli spermatozoi nelle urine non potrebbe essere dovuto semplicemente alla prostatite? L`idea che mi son fatto e` una cosa del tipo:

- La prostata e` infiammata e l`edema nella zona dei dotti eiaculatori diminuisce la "spinta" del liquido seminale
-> per questo motivo lo sperma non riesce a raggiungere il meato uretrale e rimane all`interno dell`uretra bulbare
-> viene quindi espulso in seguito con le urine.

Questo e` uno dei dubbi che mi e` venuto in mente guardando qualche illustrazione dell`apparato riproduttore maschile. Mi potrebbe dire se una ipotesi del genere puo` essere verosimile o se e` da escludere totalmente?

Mi scusi se la riempio di domande, ma i problemi durano ormai da parecchio tempo e i dubbi e le curiosita` son tante. Le prometto che non le faro` perdere altro tempo finche` non effettuero` gli altri esami!
[#19] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
L`aumento delle dimensioni prostatiche potrebbe quindi esser dovuto a qualcos`altro? SI Cisti intraprostatiche non sempre visbili; ma fara risonanza;

Per quanto riguarda un eventuale problema neurologico non avrei dovuto avere altri sintomi oltre all`eiaculazione retrograda? Si difatti molto strano.

Un altro dubbio, sempre causato dalla mia "ignoranza" in materia e`:
il problema degli spermatozoi nelle urine non potrebbe essere dovuto semplicemente alla prostatite? Magari
[#20] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Mi scusi, con "magari" intende dire "potrebbe essere"?
[#21] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Magari fosse così semplice.
[#22] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Quindi non ci sono speranze che si tratti solo di infiammazione...
La ringrazio ancora per la disponibilita'.
[#23] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
vista anche la terapia antiinfiammatoria eseguita ne deduco di no. Ma vediamo cosa succede. Il collega che la segue ha la mi fuiducia.
[#24] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Ho contattato il neurologo che mi ha proposto di fare un elettromiografia. Pensa sia l'esame adatto? Mi ha dato appuntamento gia' per domani.
[#25] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
perfetto. E' molto bene seguito.
[#26] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
La aggiorno con il risultato degli esami neurologici:

*************************

ESAME ELETTROMIOGRAFICO
Muscolo sfintere anale (studio dei 4 quadranti)

Non evidenziata attivita` spontanea patologica a riposo; buona risposta al Valsalva e al colpo di tosse; PUMs di durata ed ampiezza nella norma; percentuale di polifasici nei limiti della norma; Reclutamento a sforzo massimale con pattern a tipo stato intermedio/interferenziale.
CONCLUSIONI: Reperto nella norma; non evidenziati reperti EMG patologici sulla muscolatura esaminata.



POTENZIALI EVOCATI SOMESTESICI DA PUDENDO
Per stimolazione del nervo dorsale del pene, evocate risposte a livello corticale (componente di riferimento P38) con latenza nei limiti della norma, morfologia irregolare, ampiezza relativamente ridotta in rapporto all`eta`.
CONCLUSIONI: Reperto alterato per ridotta ampiezza del potenziale registrato a livello corticale; si segnala altresi` una latenza nei limiti della norma.



IN CONCLUSIONE: Lo studio elettrofisiologico odierno dimostra una integrita` delle strutture nervose periferiche con normalita` dello studio EMG dello sfintere anale; si segnala invece una ridotta ampiezza del potenziale evocato a livello corticale nei SEP da pudendo che rende indispensabile approfondimento con RMN con MdC (in prima istanza del tratto cervico-dorsale della colonna, e in un secondo tempo eventualmente dell`encefalo); si prega cortesemente di richiedere l`esame con urgenza B per i lunghi tempi di attesa.
Indicata terapia con Anafranil 10mg: 1c x 3 ore 8-14-21, successivamente incrementabile fino a 25 x 3 (tale terapia andra` comunque intrapresa solo dopo la fine degli accertamenti urologici e neurologici ancora in corso).

*************************

Ad essere sincero ci ho capito poco...e son parecchio preoccupato in attesa della risonanza magnetica. Purtroppo non sono ancora riuscito a postare il risultato nella sezione neurologia di questo sito..
[#27] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
glielo giro in neurologia,.
[#28] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non ci roiesco. Posti un quesito la, con il link di questo articolo.
[#29] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

mi inserisco in questa sua "complessa" problematica con alcune osservazioni
La presenza di spermatozoi nelle urine ci dice che non esiste una ostruzione o agenesia dei dotti spermatici.
Lei dovrebbe essere consapevole se la quantità di sperma emessa con l'eiaculazione è sempre stata di esigua quantità (una piccola goccia) come si potrebbe desumere in caso di patologie congenite oppure se la riduzione del volume del suo eiaculato è sopraggiunta nel tempo in maniera improvvisa o gradualmente facendo prospettare l'insorgenza di una patologia infiammatoria a livello uretro-prostatico.
L'esecuzione di una valutazione biochimica del suo eiaculato (presenza di Fruttosio, Ac.Citrico) potrebbe farci capire se il liquido che lei eiacula sia o no di origina prostatica o vescicolare.
Una semplice cistoscopia sottile potrebbe darci qualche informazione sullo "stato" della sua uretra prostatica.
Ne parli con il suo medico
cari saluti
[#30] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Dr. Cavallini > La ringrazio per il tentativo! Purtroppo son 3 giorni che cerco di postarlo ma sembra ci siano troppi consulti in attesa per la sezione neurologia e ancora non ci son riuscito. Comunque alla fine ho prenotato una RMI per Lunedi` prossimo...

Dr. Pozza > Grazie mille per aver risposto a questo consulto.
La quantita` di sperma emesso fino a Dicembre era (credo) nella norma, o comunque decisamente superiore rispetto ad adesso quindi non si tratta di un problema congenito.
La riduzione dell`eiaculato e` avvenuta all`improvviso, due giorni prima ho eiaculato come sempre e due giorni dopo solo poche gocce molto liquide...pensa sia possibile un problema infiammatorio?
Non ho ancora effettuato uno spermiogramma (nessun medico me lo aveva richiesto fin ora) ma ne ho in programma uno per martedi` prossimo.
Riguardo alla cistoscopia ho letto pareri discordanti e devo ammettere di aver paura di eventuali complicanze in seguito all`esame...crede che un uretrografia possa andar bene lo stesso o la cistoscopia da informazioni migliori riguardo allo stato dell`uretra?
[#31] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
AGGIORNAMENTO: la risonanza ha escluso il problema neurologico, nei prossimi giorni proseguiro` con gli esami urologici.
[#32] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Effettuato lo spermiogramma dopo un astinenza di 9 giorni (lo so che andrebbe fatto con una astinenza di 3-5 giorni, ma il medico che me l`ha richiesta era interessato solo al numero di spermatozoi e mi ha chiesto espressamente di farlo dopo almeno 7 giorni di astinenza...).
La quantita` di sperma e` stata maggiore rispetto al solito e il colore non era piu` trasparente ma sul bianco...ad occhio non saprei dire se il volume raggiungesse un valore nella norma, postero` il risultato non appena lo avro` ricevuto.
[#33] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Beh se non altro porta notizie incoraggianti.
[#34] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
ho ricevuto oggi il risultato dello spermiogramma:

Astinenza: 9 giorni
Colore: Bianco-grigiastro
Odore: Sui generis
Aspetto: Torbido
Fluidificazione: Normale
Quantita: 3,50ml
pH: 8,00
Viscosita`: Normale

Numero Nemaspermi: 8,0 milioni/ml
Nemaspermi normalmente conformati: 60%
Motilita` nemaspermi dopo 1 ora: 20%
Motilita` nemaspermi dopo 2 ore: 10%

Note:
8-10 Globuli Rossi
7-8 Globuli Bianchi

cosa ne pensate?
[#35] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Dico che sono pochettini, e non belli: per cui vale la pena fare ecodppler scrotale, e fsha, lh, prolattina e testosterone (esami d4el sangue) Il volume è buono. Problemi neurologici sembrano non essercene, ma per scrupolo aggiungerei esame urine post eiaculato. Per vedere se si ritrovano spermatozi in vescica.
[#36] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
L`esame delle urine post eiaculato lo avevo gia` fatto e riportava solamente "alquanti nemaspermi"...

L`ecodoppler serve per vedere la presenza di varicocele, e gli esami del sangue per controllare un eventuale fattore ormonale, giusto?

Visto l`improvviso aumento del volume posso escludere la stenosi uretrale o vale la pena fare un controllo anche per quella? Non ho ancora effettuato l`uretrocistografia...

In questi giorni dovrei ritirare il risultato della risonanza magnetica prostatica, e il neurologo ha consigliato di effettuare pure una risonanza magnetica all`encefalo nonostante quella della colonna non avesse rilevato niente di anomalo.

Lei crede che il problema che ho da dicembre (solo poche gocce di sperma durante l`eiaculazione), che a quanto pare ultimamente sta migliorando, e l`oligospermia scoperta dallo spermiogramma siano in qualche modo legati tra di loro o magari l`oligospermia ce l`avevo da prima senza saperlo?

Ah, ultimissima domanda per il momento: l`oligospermia potrebbe essere causata anche dalle cure con antibiotico che ho fatto in questo periodo quando il primo urologo pensava che il mio problema fosse causato da una prostatite?
[#37] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Sto andando a tentoni in quanto il problema è complicatello alquanto.


L`esame delle urine post eiaculato lo avevo gia` fatto e riportava solamente "alquanti nemaspermi"...: MEGLIO RIFARLO VISTA LA SCOMPARSA APPARENTE DEL PROBLEMA

L`ecodoppler serve per vedere la presenza di varicocele, e gli esami del sangue per controllare un eventuale fattore ormonale, giusto? ESATTO

Visto l`improvviso aumento del volume posso escludere la stenosi uretrale o vale la pena fare un controllo anche per quella? Non ho ancora effettuato l`uretrocistografia... PENSO, PENSO HO DETTO, CHE SIA IL CASO DI FARLA EGUALMENTE

In questi giorni dovrei ritirare il risultato della risonanza magnetica prostatica, e il neurologo ha consigliato di effettuare pure una risonanza magnetica all`encefalo nonostante quella della colonna non avesse rilevato niente di anomalo. NON SONO COMPETENTE NEL CAMPO, MA SE GLIELO HA SUGGERITO DIREI CHE VA BENE FARLA.

Lei crede che il problema che ho da dicembre (solo poche gocce di sperma durante l`eiaculazione), che a quanto pare ultimamente sta migliorando, e l`oligospermia scoperta dallo spermiogramma siano in qualche modo legati tra di loro o magari l`oligospermia ce l`avevo da prima senza saperlo? A QUELLLO SERVE ESAME URINE POST EIACULATO

Ah, ultimissima domanda per il momento: l`oligospermia potrebbe essere causata anche dalle cure con antibiotico che ho fatto in questo periodo quando il primo urologo pensava che il mio problema fosse causato da una prostatite? A NASO NO, MA DIPENDE DA ANTIBITICI, SENTA IL COLLEGA CHE LA CURA,

[#38] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio ancora per l`infinita disponibilita`, purtroppo il suo collega che mi seguiva ha chiuso la faccenda dicendo che ero andato da lui per il problema del volume e non per l`oligospermia e che quindi per lui era ok cosi` visto che il volume era tornato normale nello spermiogramma.
Cerchero` un altro urologo andrologo e nel frattempo faro` gli esami che mi ha consigliato.
[#39] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cose strane, sicuro abbia detto questo? non per mettere in dubbio, ma mi pare strano. faccia sapere se vuole.
[#40] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Purtroppo sono sicurissimo che abbia detto questo..

comunque ho effettuato i dosaggi ormonali con i seguenti risultati:

LH 2,81 mU/ml
FSH 3,17 mU/ml
Prolattina 25,50 ng/ml
Testosterone 5,15 ng/ml

Lei cosa ne pensa?

Domani pomeriggio faro` l`ecodoppler scrotale.
[#41] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
tutto ok. allora se ne sta occupando sul suk serio.
[#42] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
ecco il risultato dell`ecodoppler:

Didimi di normali dimensioni, ad ecostruttura omogenea, privi di lesioni focali nodulari.
Normale la vascolarizzazione parechimale dei didimi all`esame color-doppler.
Non particolari ispessimenti degli epididimi ne` formazioni spazio-occupanti cistiche nel loro contesto.
Non idrocele bilateralmente.
Ectasia di grado lieve/medio di alcuni vasi del plesso pampiniforme bilateralmente con minimi segni di reflusso all`esame color-doppler.

Cosa ne pensa?

Dovendo cercare un altro andrologo ho chiesto un paio di nominativi nel centro in cui ho fatto l`ecodoppler, provero` a contattarli in questi giorni.
Nel frattempo consiglia qualche altro accertamento?

Ho la risonanza dell`encefalo tra 4 giorni, e dovrei ancora effettuare l`uretrografia...purtroppo l`ultimo urologo che ho sentito mi aveva consigliato una uretroscopia ma ho un po` paura a farlo e preferirei optare per l`uretrografia se possibile.
In oltre attendo il risultato della risonanza prostatica, e` qualche giorno che cerco di ritirarla ma il medico che l`ha eseguita non l`ha ancora firmata...
[#43] dopo  
Utente 342XXX

Iscritto dal 2014
Aggiornamento: effettuato oggi la risonanza magnetica encefalo ed era tutto apposto, ho anche finalmente ritirato il risultato della risonanza prostatica con il seguente risultato:

Prostata di 40 x 40 x 38 mm LLx APx CC.
Segni di iniziale ipertrofia delle ghiandole periuretrali.
Vescichette seminali ben rappresentate con presenza di concrezione di 4 mm all`interno della vescichetta seminale destra e di analoga puntiforme concrezione al dotto eiaculatorio, presumibilmente il destro.

Il radiologo che ha effettuato l`esame ha precisato che secondo lui queste concrezioni non possono essere la causa del mio problema, ma piuttosto una conseguenza di questo.

Lei cosa ne pensa? E` possibile intervenire in qualche modo per rimuovere questa concrezione?