Utente 844XXX
cari dottori sono un ragazzo di 24 anni omosessuale, ho da porvi un mio problema

circa 4 mesi fa ho avuto un raporto sessuale con un ragazzo(il mio ruolo è stato solo di tipo passivo) circa 15 giorni dopo il raporto sessuale ho accusato un rossore sul glande del pene con una sorte di bruciore live ma più forte nel momento di urinare,in fase di erezione usciva del liquido seminale un 2 gocce.

il bruciore e L'uscita del liquido è durato circa un 15 giorni poi piu niente.

per 3 mesi sono stato bene assolutamente niente, ma da un 10 giorni ho notato una cosa particolare mi esce un puntino rosso sul glande(tipo come se fosse stato fatto con un pennerello rosso chiaro)il puntino resta sul pene un giorno messimo due poi sparisce e dopo un 5 oppure 6 giorni esce un nuovo puntino e sparisce di nuovo.....

vorrei chiedervi un ultima cosa sul glande ho notato una sorta di micro vena(non so da quanto tempo sta li) con sopra una pallina tipo micro brufulo è davvero piccolo si nota meglio in fase di erezione.

vorrei specificare che quello è stato il mio ed unico raporto sessuale fino ad ora.
non ho fatto nessun tipo di penetrazione il mio pene non è stato a contatto con nessuno.

vorrei un vostro parere sui miei problemi.
grazie per il vostro prezioso aiuto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
gentile paziente,
la sintomatologia che descrive potrebbe essre quella di una uretrite intanto, poi o di una sua cronicizzazione o dell'insorgenza di un qualcos'altro difficilmente idfentificabile in base ad una sua descrizione. Sarebbe necessario anche effettuare una accurata visita ed anamnesi e, credo, alcuni semplici esami atti a verificare tutta una serie di possibilità diagnostiche, sì di inquadrare bene il suo caso, stante anche se ho ben capito la possibilità che abbiia avuto un rapporto a rischio.
Le consiglio caldamente di farsi vedere da un dermatologo esperto in Malattie Trasmesse Sessualmente al più presto.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 844XXX

Iscritto dal 2005
grazie per il suo aiuto dottore.
vorrei chiedervi un ultilma cosa

a 4 mesi dal rapporto sessuale a rischio ho fatto delle analisi.

91.22.2 virus immunodef.acquisita (HIV) analisi qualitativa di rna

91.19.5 virus epatite c (hcv)anticorpi

91.10.4 treponema pallidum anticorpi(ricerca qualitat.mediante emoagglutin.passiva) (tpha)

91.17.5 virus epatite b (hbv) anticorpi hbcab

91.18.5 virus epatite b (hbv) antigene hbsag

91.11.1 terponema pallidum anticorpi anti cardiolipna (focculazione)

il risultato di tutte le analisi è stato negativo,vorrei sapere se a 4 mesi le analisi certe.
mi riferisco in modo parlicolare al epatite B C SIFILIDE.

GRAZIE DI TUTTO CARI DOTTORI.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Mi fa piacere per lei.
Le sierologie andrebbero ripetute tra 6 mesi, ammesso che in questo lasso di tempo lei non abbia rapporti o, al limite, li abbia non a rischio.
Per il resto mi riferivo all'effettuazione dei tamponi uretrali.
In bocca al lupo
[#4] dopo  
Utente 844XXX

Iscritto dal 2005
le analisi fatte a 4 mesi non sono per niente attendibili?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Potrebbero essere attendibili ma è il caso di ripeterle, perchè può esistere sempre un periodo finestra che prelude l'infezione vera e propria
Saluti
[#6] dopo  
Utente 844XXX

Iscritto dal 2005
è vero che le analisi fatte a 3 mesi il risultato è definitivo nel 99%100 dei casi?

grazie di tutto