Utente 343XXX
Salve, vorrei gentilmente una vostra esperta delucidazione.

Qualche giorno fa ho fatto una visita di controllo oculistica, non per bisogno ma solo per un semplice controllo poichè feci l'ultima 3/4 anni fa. (Specifico, non dallo stesso oculista precedente)

Da 3 anni a questa parte, porto delle lenti per astigmatismo prescrittemi solo per quando studio, leggo, televisione, computer..non per uscire, da riposo insomma, con tali valori:

Occhio Destro:
sf= /
Cil= +0.50
Asse= 90

Occhio Sinistro:
sf= /
Cil= +0.50
Asse= 95


Nella nuova visita, l'oculista ha deciso di cambiarmi le lenti, con tali valori:

Occhio Destro:
sf= -0.25
Cil= +1.00
Asse= 90

Occhio Sinistro:
sf= /
Cil= +1.00
Asse= 90

Il mio problema è che con queste nuove lenti non mi sento a mio agio, non vedo bene e ho difficoltà nel mettere a fuoco, le ho tenute addosso per 2 giorni, ma non trovo nessun tipo di giovamento, infatti se faccio un confronto con le vecchie lenti, da lontano vedo molto meglio, molto più definito al contrario delle nuove lenti.
Sono tornato dall'oculista per informarlo delle mie difficoltà e mi ha detto che il mio occhio si deve abituare dicendomi di tenerle fisse per una settimana. (anche se io dovrei usarle solo per riposo come scritto precedentemente)
Ma se io con le mie vecchie lenti non avevo problemi, di conseguenza se faccio un confronto con le nuove, mi accorgo di vedere molto meglio, può esserci un errore nella prescrizione delle nuove lenti?
Chiedo a voi esperti poichè sono davvero molto confuso.

Vi porgo i miei ringraziamenti in anticipo.




[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gent.mo,
utilizzi le lenti con cui si trova meglio e con cui vede meglio, l'abitudine non c'entra niente.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
Capisco, mi scusi se le chiedo un'altra cosa, dopo qualche giorno dalla visita, il mio ottico che di conseguenza mi fece le nuove lenti, mi ha visionato la situazione gradi ecc... con il macchinario apposito, ''dove io poggio il mento e guardo fisso la casetta disegnata.''(Non so il nome tenico di questo esame.)
I valori sono risultati quasi invariati dall'ultima visita apparte l'asse occhio destro che era a 100 invece di 90.
Scusi l'ignoranza, la mia domanda è non c'entra nulla tutto ciò?
Io chiedo a voi se mettendo una nuova lente, dovrei trovare subito giovamento rispetto la precedente o sbaglio? Anche se le mie lenti sono da riposo.
Non mi spiego perchè sono risultati valori maggiori ma io appena li indosso non trovo migliorie.

Attendo una sua risposta e le porgo i miei Distinti Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gent.mo,
l'AUTOREFRATTOMETRO, cosí si chiama lo strumento, serve per darci una indicazione di massima sulla situazione refrattiva, ma QUASI MAI il valore che otteniamo é quello esatto da prescrivere sulla ricetta da consegnare all'ottico che costruirà l'occhiale.

Non esistono occhiali da riposo, ma lenti correttive.
Se il Medico Oculista prescrive un occhiale lo fa perché é presente un difetto refrattivo da correggere.

Indossi l'occhialecon cui si trova meglio, l'altro é evidentemente sbagliato

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
Il mio problema , non era tanto da vicino ma era la messa a fuoco da lontano.
Sono molto confuso.
Intanto vi ringrazio nuovamente per la vostra tempestiva disponibilità.
Provvederò per una nuova visita.
Cordiali saluti.