Utente 712XXX
salve,
abito nella zona nord orientale del lago di Garda e vi scrivo per chiedervi un aiuto in merito ad un disturbo che puntualmente si manifesta da quattro estati a questa parte; ogni volta che immergo la testa nel lago e mi succede di inalare un pò d'acqua, e decorse circqa 5-6 ore dal bagno, inizio ad avvertire prurito agli occhi e rinite, sintomi i cui effetti progrediscono in maniera esponenziale nel giro di poche ore, fino a raggiungere un livello insopportabile e causandomi notti insonni con rinite "a rubinetto" e sternuti devastanti...questi sintomi perdurano per circa 8-9 ore, poi tendono ad attenuarsi fino a scomparire del tutto nel corso della giornata seguente. Durante tale "agonia" mi aiuto assumendo compresse di antistaminico Zirtec, che mi attenua il bruciore agli occhi, ma purtroppo nulla può contro l'esplosione di questo raffreddore anomalo. Vorrei eliminare o almeno limitare questo disturbo in quanto va ad influire molto negativamente sulla mia attività estiva di istruttore di kitesurf e windsurf, dove il contatto con l'acqua è inevitabile...Ringrazio anticipatamente per un vostro consulto o qualche informazione in grado di aiutarmi...saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Teoricamente bisognerebbe isolare dall'acqua di lago l'alga o il microorganismo a cui lei e' allergico, per vedere se qualche ditta tipo la benemerita Lofarma riesce a preparare un vaccino su misura, da somministrare iniziando in autunno in vista della prossima stagione.

La soluzione finale classica sarebbe l'astensione dall'allergene, poco proponibile perche' significherebbe in pratica cambiar mestiere.

Se l'antistaminico da solo non basta, si puo' adottare una strategia piu' ampia ricorrendo anche al cortisonico per os e per la rinite usare gocce nasali vasocstrittrici.

La cura efficace non puo' calare dall'alto ma va cercata empiricamente con santa pazienza con un gioco di squadra, il suo medico le fa la ricetta per una serie di medicine, lei le prova su se stesso in varie combinazioni e poi ogni mese fate il punto su cosa funziona meglio.







[#2] dopo  
Utente 712XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Bianchi.
La rigrazio infinitamente per l'attenzione e il consiglio rivoltomi. Purtroppo in questo periodo (alta stagione) riesco solamente a interloquire con il mio medico per via telefonica, il quale mi ha prescritto un ciclo di compresse Bentelan per vedere di ridurre il mio fastidio.
Volevo gentilmente porLe un altro quesito...fin da piccolo ho problemi di adenoidi, Le risulta possibile che possano incidere in qualche modo sul mio problema?
Grazie di nuovo e buon lavoro.
[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
No, non esiste un particolare nesso causale fra adenoidi (iperfrofia del tessuto linfatico adenofaringeo) e allergie.