Utente 177XXX
salve sono una donna di 36 anni e da 4 anni assumo 50 mg di atenololo al giorno a causa di una tachicardia che ho sempre avuto, ma che negli ultimi dieci anni era molto peggiorata. mi si scatenavano crisi con battiti anche a 170 al minuto dopo aver mangiato, dopo aver compiuto sforzi, dopo essermi piegata e dopo qualsiasi movimento che mi "piegasse" lo stomaco. il cardiologo mi ha spiegato che si tratta di una tachicardia essenziale, non maligna ( sinusale ) che si scatena ogniqualvolta qualcosa "tocca il cuore" e che non c'era nulla di preoccupante, però mi stava rendendo seriamente la vita impossibile. (bastava appunto chinarmi a raccogliere una penna o sdraiarmi dopo aver mangiato per scatenarmi crisi che duravano anche due o tre ore) Ora sto valutando di avere una gravidanza prima che sia troppo tardi e non so che fare. So che il cuore si sposta naturalmente con la crescita del feto e non so come reagirebbe il mio in questo caso. Ancora oggi se mangio un po' di piu o se faccio determinati movimenti avverto un po' di accelerazione (nulla di preoccupante perche l'atenololo mi tiene i battiti sempre sotto i 110 ) ma so che in gravidanza non si può prendere l'atenololo. Cosa posso fare? spero davvero prenderete sul serio la mia domanda, molte persone quando parlo di tachicardia credono si tratti di ansia ma non è cosi, all'ospedale, ai tempi in cui feci tutte le analisi, mi somministrarono valium, io dormivo, ma il cuore stava a 150 battiti ugualmente... grazie per la risposta che vorrete darmi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
la spiegazione che le è stata data a riguardo del meccanismo della sua tachicardia non è valido per le forme sinusali....Se lei ha una vera e propria aritmia occorre stabilirlo adeguatamente e la terapia dipenderà dal tipo di problema diagnosticato. Per questo le consiglio di rivolgersi ad un bravo aritmologo. Se si tratterà di tachicardia sinusale inappropriata ovviamente in gravidanza non potrà assumere molti farmaci, ma se il suo cuore è sano (eun ecocardiogramma può stabilirlo) lei non corre alcun rischio e quindi se vuole avere una gravidanza dovrà considerare un lungo wash out farmacologico o eventuale terapie risolutive prima di averla.
Cordialità