Utente 343XXX
Salve,
dirò brevemente ciò che mi è successo.
Qualche anno fa mi è uscita improvvisamente una ciste nel collo del piede dx.
Ho consultato il medico di base che mi ha detto che mi sarebbero passate con il tempo.
Sono passati circa 2 anni e non solo non sono andate via,ma me ne sono uscite altre 4 nel piede dx e 2 nel piede sx.
Mi fanno molto male,non posso più fare sport ne camminare per troppo tempo.
Ho fatto l'ecografia e il dottore non mi ha saputo dire di cosa si trattasse,ho fatto quindi una radiografia,ma un altra volta un ulteriore ortopedico non ha saputo spiegarmi quale fosse il problema.
Ho consultato uno steopata che ha detto che è un problema di postura,ma non mi ha risolto il problema.
L'unica cosa di cui sono certa è che è un problema di tendini,ma molti dottori mi hanno consigliato di non operarmi.
Adesso sto facendo fisioterapia,ma non sta funzionando un granché.
Non so più cosa fare,voglio tornare muovermi come prima.
Cosa posso fare?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
L'ecografia è in grado di accertare se le tumefazioni che sono visibili all'ispezione esterna sono delle cisti e da dove provengono (guaine sinoviali, tendini, articolazioni, ecc.) o se invece hanno un aspetto compatto (e in tal caso si dovranno approfondire gli accertamenti.) L'osteopata, che non è quasi mai un medico (nonostante possa avere un "dott." davanti al nome), se anche nel Suo caso non lo è non è autorizzato a far diagnosi. Un ortopedico, dopo averLa visitata e aver letto il referto dall'ecografia, è in grado di dire di cosa si tratta e quindi di decidere il trattamento appropriato, oppure deve approfondire gli accertamenti e/o indirizzarLa a un ortopedico più esperto. Se poi invece Lei è certa "che è un problema di tendini" allora vuol dire che è stata fatta una diagnosi (che Lei non ci ha detto) in base alla quale è stata prescritta la fisioterapia ed è stata sconsigliata la terapia chirurgica. Noi a distanza con la sola descrizione e senza averLa visitata e senza aver visto le ecografie non siamo in grado di fare ipotesi utili.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
Quando sono andata a fare l'ecografia,il dottore non ha saputo darmi una diagnosi precisa,ma mi ha detto che forse poteva essere un problema di tendini.
Siccome anche un medico amico di famiglia visitandomi mi ha detto che probabilmente era un problema di tendini,allora io deduco che quasi certamente è un problema di tendini! (Anche se capisco che il mio è un ragionamento sbagliato).
Lei dice che dall'ecografia è possibile avere una diagnosi,allora perché il dottore non mi ha saputo dire nulla?
Mi hanno sconsigliato un intervento chirurgico ma intanto il piede continua a farmi male ogni qualvolta provo a fare un po' di sport.
Non le chiedo una diagnosi a Lei perché giustamente non è in grado in tali condizioni,le chiedo semplicemente un consiglio.
Secondo Lei devo fare una ecografia più approfondita?

[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non esistono "ecografie più approfondite", ma mi sembra strano che non si possa stabilire se il contenuto è liquido o se ha una struttura solida, se comunica con un'articolazione o se interessa la guaina di un tendine, se aderisce ai piani prondi o se è mobile rispetto a essi. Posso capire che per qualche motivo non si riesca a fare una diagnosi di certezza, ma in quel caso si cerca di fare indagini mirate per arrivare in qualche modo a una diagnosi, che è il solo modo per decidere il trattamento appropriato. Non capisco invece come si possa, senza sapere di cosa si tratta, decidere una fisioterapia o affermare che è meglio non operare: prima si decide di che patologia si tratta e solo dopo si decide se è da operare, se (e quale!) fisioterapia fare, quali provvedimenti prendere, ecc. Il consiglio che mi chiede non può essere che il medesimo che Le ho già dato ieri. Secondo me deve solo consultare un ortopedico esperto che La guidi nel percorso verso la diagnosi.
Cordiali saluti