Utente 175XXX
Salve, sono una ragazza di 28 anni e da più di dieci soffro di rinite allergica dovuta ai pollini ed alle graminacee nonchè al pelo di animale.
Ho cominciato da qualche settimana il solito trattamento primaverile prescrittomi dal medico- 2 pastiglie di Xyzal, una alla mattina e una alla sera, e gli attacchi non sono ancora molto forti.
Ieri sera per la prima volta mi è capitato di sentire il bisogno di fare in continuazione dei respiri profondi, unitamente a un senso di pesantezza al petto. Inizialmente ho pensato potesse essere un affaticamento dato dall'aver mangiato troppo e aver fatto movimento (una breve corsa) senza aspettare la digestione.
Ho dormito senza particolari problemi ma oggi continuo ad avere lo stesso senso di oppressione al petto e continuo bisogno di respirare molto a fondo, quasi come non avessi abbastanza aria.
Vorrei capire se può trattarsi di un inizio di asma, di cui non ho mai sofferto ma che potrebbe forse ricollegarsi alla mia allergia, e quali esami dovrei fare per capire se trattasi proprio di questo. Grazie in anticipo per un riscontro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La rinite non si "trasforma" in asma: l'asma può rappresentare un'ulteriore manifestazione di allergia respiratoria - e questo capita relativamente spesso ("marcia allergica") in relazione alla predisposizione personale, all'esposizione ambientale e al trattamento (o meglio al sub- o addirittura al non-trattamento) della malattia.
Nel Suo caso specifico è opportuno che si faccia visitare dal medico curante ed eventualmente da uno specialista (allergologo o pneumologo) che possa sottoporLa ad esami spirometrici.
Saluti,