Utente 344XXX
Salve a tutti, si due anni Ke in seguito a calo del desiderio mi sn rivolto a specialisti andrologi. In seguito ai vari esami è stato riscontrato varicocele bilaterale di primo dx e secondo grado sn, testosterone basso e oligoastenospermia. Subito dopo operazione varicocele ho riscontrato un aumento del desiderio e miglioramento erezione. In seguito ai risultati dello spermiogramma mi è stato prescritto Novaldex da 10 mg due cp die. Il giorno dopo aver preso due compresse ho notato calo desiderio ed elezione debole. Il ginecologo di mia moglie ha riferito Ke tamoxifene, oltre a ridurre calo libido del 30%, è pure teratogeno, consigliandoci di avere rapporti protetti. Il quinto giorno ho interrotto cura del novaldex, ora la mia domanda è quanto tempo deve passare per continuare ad avere rapporti aperti alla procreazione? Quanto c'è di vero sugli effetti collaterali menzionati su qto farmaco?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il testosterone testato é quello libero o il totale?Alla sua età,e non solo,un varicocele di II grado non lo opererei,tantomeno bilateralmente...Non credo che il varicocele possa essere responsabile del calo sessuale con relativo miglioramento post operatorio.Analogamente,l'eventuale calo del desiderio non può essere imputato all'antiestrogeno,sulla cui teratogenicità avrei delle perplessità notevoli,anche considerando la durata minima dell terapia.Il suo andrologo che ne pensa?Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette osservazioni del collega Izzo, da quello che ci scrive, sembra che lei non abbia al suo fianco un ginecologo, aggiornato in patologia della riproduzione umana maschile, e quindi, a questo punto, dobbiamo dirle di riconsultare, senza drammi ed ansie inutili il suo andrologo perché gli effetti collaterali, a lei segnalati, del farmaco consigliatole non sono realistici e sconosciuti a chi ben conosce la fisiopatologia del maschio con problemi a riprodursi.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
Grazie a tutti per la Vostre celeri ed esaustive risposte. Scusate se approfitto della Vostra cortese attenzione ma indipendentemente dal mio caso che non posso riassumere in poche righe, secondo voi il tamoxifene può essere efficace per alzare i valori del testosterone e di conseguenza la libido? Testosterone e libido potrebbero non coincidere nel senso che ad un innalzamento dei valori del testosterone potrebbe non corrispondere altrettanto dal punto di vista della libido? A cosa andrebbe attribuita questa eventuale discrepanza, può essere sempre e solo attribuito ad un problema psicogeno?
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la libido sessuale di un uomo non è solo legata al testosterone; a questo proposito, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/226-desiderio-sessuale-fare-viene-mancare.html .

Un cordiale saluto.