Utente 344XXX
Salve,
cerco di raccontare un po per intero la mia storia.
Dai primi di Novembre, quindi con il primo freddo, durante una corsetta notai che entrambi i testicoli mi si alzavano fino al pube. Cosa che mi portava parecchio fastidio ma non ci feci poi così tanto caso anche perché bastava che con la mano li facessi scendere. Dopo quella volta in poi praticamente i testicoli salirono sempre e notai che iniziavano a farlo quando sentivo molto freddo; anche quando mi spogliavo per fare la doccia accadeva questo movimento dei testicoli. Allora andai a fare una visita e il dottore mi disse che praticamente avevo i testicoli retrattili e che tutto si sarebbe risolto con un interventino. Però il dottore facendomi tossire notò sia l'ernia inguinale a destra che a sinistra. Allora decise di fare entrambe le cose in un unico intervento però prima la parte sinistra e poi la destra.
Il 14 Gennaio mi operò solo alla parte sinistra con anestesia spinale. Intervento perfettamente riuscito. Primi 3 giorni di agonia, poi pian piano mi sono ripreso. Una ventina di giorni dopo l'intervento mi cominciò a far male, solo premendo con la mano, la parte sinistra degli addominali bassi. Glielo dissi a lui ma non ho mai capito la sua risposta, era come se la aggirasse in qualche modo (non capisco il perché, magari potete rispondere voi); comunque durò circa una settimana e poi il dolore scomparì.
L'11 Marzo mi operai alla parte destra. Di nuovo intervento perfettamente riuscito. Questa volta il giorno dopo l 'intervento fu come il quarto dell'intervento precedente. (anche questa cosa non l'ho capita, se potete rispondere anche a questo). Questa volta i miglioramenti si percepivano ad ogni giorno che passava infatti mi ripresi molto prima rispetto all'intervento precedente. Dopo una ventina di giorni dopo, questa volta notai che premendo sull'ultima ferita, faceva male; cosa che non accadeva tutte le volte che premevo. Comunque dopo un mesetto circa non ho avvertito più dolore.
A metà Aprile mentre mi spogliavo per fare la doccia ho notato che il testicolo sinistro era salito ma non fino al pube come accadeva prima, ma a metà strada diciamo tra scroto e pube; era praticamente proprio a lato del pene e gli bastava di nuovo la mano per farlo scendere.
Dopo avervi raccontato la mia esperienza avevo alcune domande:
1) L'ernia inguinale si può ripresentare? E se accade, riesco a capire che si è ripresentata, visto che prima non ne sapevo nemmeno l'esistenza? (Se può essere d'aiuto faccio una lavoro pesante cioè il fabbro);
2) Perché i dolori avvertiti alla ferita per quanto riguarda il secondo intervento? Anche oggi quando c'è da fare un piccolo sforzo mi dà fastidio ma solo in rari casi;
3)Perché ho ancora, a distanza di 3 mesi, la parte inferiore della ferita addormentata? E' certe volte perché mi pizzica? per quanto riguarda il primo intervento;
4) Perché il testicolo è risalito? Ok non fino al pube ma è pur sempre risalito.
Grazie in anticipo
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Per una risposta alle sue domande,e' necessaria una visita di controllo accurata da parte dell'operatore o comunque da altro chirurgo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
Grazie
saluti