Utente 343XXX
Buon giorno,
purtroppo non potrò essere particolarmente preciso nel fornire le informazioni necessarie ad una buona valutazione, ma chiedo gentilmente di avere alcune informazioni su come potrebbe evolvere la situazione.
La mia ragazza, 36 anni, l'anno scorso ha avuto un primo pneumotorace di circa 12 cm, si è sottoposta ad un drenaggio e sembrava risolto. Dopo una settimana si è verificato un secondo collasso del polmone questa volta di 8 cm ed un secondo drenaggio. Trascorre ancora qualche settimana e si verifica un terzo collasso e questa volta viene operata e le viene tolto anche un pezzo di polmone. Ora, a parte la paura sta bene, visto che oltretutto le hanno detto che potrebbe capitare anche all'altro polmone.
La cosa che invece a me spavenza di più e che a seguito degli esami istologici le hanno detto che il pneumotaroce è stato causato da un enfisema polmonare e da quel poco che ho potuto leggere sull'enfisima polmonare sembra essere una malattia degenerativa incurabile, lei non vuole entrare nel dettaglio e alla mia domanda sull'enfisema mi ha risposto che i medici le hanno detto "potrebbe essere". Può capitare un enfisema polmonare che si limita a generare un pneumotorace?
So che le informazioni che posso dare sono davvero poche, ma sarei grato se poteste darmi una possibile previsione di quello che potrebbe capitare nel futuro e magari come evitarlo. Le hanno detto solo di mangiare molto (ha il torace magro), di non fumare, di non andare in montagna e di fare passeggiate.
Cosa ci aspettanel prossimo futuro? In quanto tempo?
Ringrazio fin d'ora per la risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
4% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Non è possibile dare una risposta precisa. Se è stato condotto un intervento di resezione polmonare (dove c'erano le bolle di enfisema) è presumibile che non si riformi un pneumotorace. Il polmone dovrebbe essere attaccato alla parete toracica e non dovrebbero più esserci delle bolle che con gli sforzi potrebbero rompersi. Per quanto riguarda la parte controlaterale purtroppo il rischio che si vada incontro a d un ennesimo episodio di pneumotorace esiste ma per essere più precisi bisognerebbe valutare una indagine TC Torace con mdc e vedere le condizioni del parenchima. Corretti i suggerimenti forniti da i medici che seguono la paziente.