Utente 344XXX
Salve dottori, ho 20 anni. Da circa 5 anni ho iniziato a scoprire tutto il glande, in quanto in precedenza ho sofferto di un ristringimento prepuziale, poi spontaneamente risoltosi, che mi impediva di eseguire totalmente tale manovra. Da subito mi sono accorto di avere, sulla parte destra dell'asta, sotto la corona, una vena piuttosto ingrossata, che mi provoca un lieve fastidio al tatto. Questa si rende molto evidente a glande scoperto. Ha un decorso verso l'alto, fino ad arrivare a livello del glande, dove termina in corrispondenza della corona con un lieve "bozzetto", simile ad una papula perlacea, però di colore scuro. Intorno a questo bozzetto il glande presenta una colorazione più scura, come una macchia, di colore bluastro-marrone, le cui dimensioni e caratteristiche sono rimaste da sempre (o comunque da quando ne ho constatato l'esistenza) invariate. Segnalo inoltre che le erezioni mattutine non sono sempre presenti. Non ho dolori al pene o problemi nell'erezione di alcun genere. Premesso che ho prenotato una visita specialistica per settembre, di cosa potrebbe trattarsi a vostro avviso? Qualche problema circolatorio forse legato a quella vena molto evidente? oppure qualche problema di altra natura? A dire il vero la mia paura più grande è che possa trattarsi di un tumore del pene; i sintomi sono a vostro avviso compatibili con questa patologia? Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il vaso sanguigno descritto non partecipa al meccanismo erettile bensì al drenaggio della cute e mucosa peniena.Le erezioni spontanee non offrono,nel suo caso,alcuna indicazione diagnostica né prognostica sul benessere sessuale.L'ipotesi di un tumore del pene è pura fantasia,per cui le consiglio di attendere la routinaria visita programmata e di allontanarsi dal web...Cordialità.
[#2] dopo  


dal 2014
La ringrazio molto per la risposta.
Secondo lei da cosa potrebbero dipendere questa vena molto evidente e questa colorazione anomala di parte del glande ? (per l'esattezza nella zona che circonda il frenulo).
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ritengo sia patologica.Cordialita'
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

dalla sua precisa descrizione si potrebbe pensare che si tratti della vena dorsale superficiale che emerge prevalentemente sul lato destro, 1-2 cm sotto la corona del glande e che si ingrossa in tutti gli stati di eccitazione dovendo drenare il sangue che arriva in maniera impetuosa al glande.
Non vedo elementi per giudicare su un possibile (raro) tunore del pene senza una visione diretta della lesione da lei osservata
.Cari saluti
[#5] dopo  


dal 2014
Gentile Dott. Pozza, la vena in questione ha dimensioni maggiori rispetto alla normalità anche a pene flaccido, oltre che in condizione di erezione.
Cordialità