Utente 242XXX
Dopo una diagnosi di Cardiopatia Ischemica,mia madre ha subito un "Intervento di
Rivascolarizzazione Miocardica mediante Impianto d'arteria mammaria interna sinistra(Lima) su interventricolare anteriore (IVA),arteria radiale sinistra ,II conduit,su primo diagonale (D1) e marginale ottuso (MO) ,Off Pump".
Con la seguente terapia farmacologica :Omeprazolo ,Asa(Cardioaspirin ),Bisoprololo 5,Ramipril 5 ore 16, con l'aggiunta alla Visita di controllo di Medrol 16 mg a scalare ,per un lieve Versamento pleurico sinistro 2 +.
Al successivo controllo di Gennaio 2014 , oltre alla Terapia iniziale ( Senza Medrol )si è aggiunto Lasix per 20 gg e successivamente 1/2 compressa al gg ..
Al successivo controllo di Marzo 2014 , si è ritenuto sostituire Ramipril 5 con Reaptan 10mg/5mg ,da prendere alle ore 18 o 19 (per l'a pressione più alta nell'ultimo periodo 130-150) e Lipenil 20 (per il colesterolo a 220 ).,con la sospensione della 1/2 compressa di Lasix .
Attualmente la pressione risulta nella norma (130 la mass e minima 70) ma si evidenziano ,gonfiore della caviglie dei piedi (edema,insufficienza venosa ,trombosi)
con qualche effetto collaterale , richiamato nelle istruzioni di Reaptan 10/5.
Considerato il cambio di stagione (marzo-aprile ) e gli effetti collaterali alle caviglie dei piedi .Cosa mi consigliate di sostituire o aggiungere rispetto alla terapia iniziale
e attuale (Reaptan 10/5) anche Lasix 1/2 .
Gradirei un vostro parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore l'unico consiglio che posso darle è di sostituire il Reaptan con un'altra molecola (poichè il reaptan contiene un calcioantagonosta periferico che è responsabile di edemi declivi, sebbene in manioera meno importante rispetto ad altre molecole similari). Questo però deve comunque stabilirlo il suo cardiologo di fiducia al quale, inevitabilmente, le consiglio di rivolgersi.
Cordialmente