Utente 835XXX
Cari medici, sono una ragazza di 26 anni. Vi scrivo per avere più informazioni riguardo al risultato di una visita cardiologica effettuata a causa di battiti altissimi e cardiopalmo. Questo è il referto:

"L'esame conferma la presenza di un moderato prolasso valvolare mitralico, senza evidente perdita di coartazione sistolica tra i due lembi, da cui risulta una lieve insufficienza della valvola (emodinamicamente trascurabile e sovrapponibile a consueti reperti fisiologici) con jet turbolento (effetto tipo spruzzo) diretto posteriormente. Il lembo anteriore è ridondante e di gran lunga preponderante sul posteriore. L'ecogenicità dei lembi non è alterata. Non ci sono sospette vegetazioni ed ispessimenti. La valvola a ortica è normale. Tutti gli altri dati normali. Normali dimensioni, spessori parietali e funzione sistolica dei ventricoli. Normali gli atri."

Leggendolo mi spaventa un po'. Io oltretutto molto spesso mi sento molto affaticata con battiti altissimi e fatico a respirare. A volte mi sembra di avere un infarto imminente, soprattutto la sera! Ho fatto anche un holter con un picco massimo di battiti pari a 184 (dopo una lieve corsa) e con un minimo di 62.
Sono un po' preoccupata e a volte mi sembra veramente di morire! Ho 26 anni e sto pensando al peggio. Poi sento anche molte persone che, a seguito di insufficienza valvolare, si sono dovute operare. Ma io non voglio operarmi neanche a 70 anni per questo problema!

Vi chiedo gentilmente se riuscite a spiegarmi, in semplici parole, se è una cosa grave o se è solo qualcosa da tenere sotto controllo e senza dare troppo peso.

Grazie a tutti in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Una lieve insufficienza della valvola mitrale da prolasso emodinamicamente trascurabile è frequentissima soprattutto nelle giovani donne.
Può dare "fastidio" sottoforma di trigger nello scatenare extrasistoli o crisi di tachicardia parossistica benigna. Il consiglio è di controllare gli ormoni della tiroide,e nel caso affronterà una gravidanza sarà opportuno effettuare un controllo ecocardiografico perché potrebbe aumentare il grado di insufficienza.
Niente di più