Utente 724XXX
Buongiorno!
Avrei la necessità di chiarire e placare una preoccupazione sorta da qualche giorno.
Quando mi trovavo nel pieno della pubertà e "imparavo" a conoscere il mio corpo mi accorsi che il mio pene presenta delle piccole bollicine chiare su tutto il pene e sulla corona del glande. Mi informai su libri, su internet e parlandone confidenzialmente con gli amici e mi rasserenai convinto non fosse nulla di "anormale". Se non erro sono delle ghiandole sebacee che non dovrebbero destare alcun problema. Ora, sempre in passato avevo il vizio di "premere" quelle bollicine poco più grandi vedendo che si sgonfiavano con la perdita di una sostanza bianchiccia. Per farlo, una volta una di queste si infiammò e mi comparve qualcosa simile ad un brufolo con tanto di testa chiara che una volta fatto scoppiare si asciugò completamente. Ai tempi mi feci controllare dal medico (ancora pediatra), ma mi rassicurò che non ci fosse nulla di preoccupante. Adesso mi è ricapitato nuovamente, solo che dopo averlo svuotato perché presentava la testa bianca, mi è rimasto sempre un po' rigonfio e se lo tocco mi pizzica. Alchè, come sono solito fare sotto consiglio medico sul trattamento di brufoli (non nella zona intima), ho applicato solamente due volte l'auromicina. Ho fatto male? Cosa devo fare affinché si asciughi? Quanto tempo approssimativamente durerà la sua permanenza?
Vi ringrazio anticipatamente.
Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Salamina
32% attività
0% attualità
12% socialità
MAGENTA (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe chiudersi e seccarsi, ma potrebbe suppurare nuovamente se non viene tolta la matrice della cisti sebacea, operazione che può essere eseguita in anestesia locale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 724XXX

Iscritto dal 2008
Cos'è una cisti? Scusate l'ignoranza!
Guardandola bene, però adesso non ha una "testa" bianca, ma come se ci fosse una microscopica cicatrice. L'idea di doverla rimuovere chirurgicamente mi allarma un po', visto soprattutto il fatto che per qualche tempo non potrò farmi visitare.
Sbaglio se continuo ad usare l'auromicina? Serve a qualcosa? e soprattutto devo evitare di toccarla aspettando o che si asciughi o che eventuale pus esca da solo? Posso fare qualcosa io per adesso?