Utente 344XXX
Buongiorno,riscrivo su questo sito perchè qui ho trovato medici davvero in gamba,e mi piacerebbe illustrare un sintomo che ho da qualche anno che non ho mai dato peso,che però ultimamente mi sta creando alcuni disturbi.Ho gia eseguito per motivi sportivi un ECG ,ecodoppler e test da sforzo come illustrato nel post precedente dove non si evidenziavano anomalie,il motivo per cui vorrei avere un consulto e perche spesso anzi quasi sempre al mattino dopo una bella colazione(abbastanza abbondante) mi capita di avvertire una vera e propria tachicardia (95-105 battiti al minuto)accompagnato da una sensazione di spossatezza che poi il tutto va a scomparire entro due ore(il tempo della digestione),nel resto della giornata non ho una frequenza particolarmente elevata ,si aggira sugli 80 battiti al minuto,addirittura la sera prima di andare a dormire scendono intorno ai 65-70,premetto che non è che mi controllo sempre il battito,questa operazione l'ho eseguita negli ultimi giorni per verificare se la tachicardia che accusavo era costante oppure era frequente solo di mattina,e devo dire che è presente esclusivamente di mattina,anche dopo pranzato e dopo cenato la frequenza è un po piu elevata ma si aggira sempre sugli 85 battiti,massimo 90 ,invece di mattina spesso supera i 100-105,secondo voi è normale come situazione?oppure devo eseguire indagini più approfondite?grazie mille in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Innanzitutto chiariamo: 95 battiti al minuto non è tachicardia, e 105 è solo una lieve tachicardia!
Per il resto, stia tranquillo. Come lei ha già notato da solo, è solo un riflesso legato alla digestione.
[#2] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio Dottoressa,se mi permette vorrei esporre anche un altro mio disturbo:premetto che sono un tipo abbastanza ansioso,basta una piccola emozione per venirmi una tachicardia,ma ultimamenti mi sto accorgendo che ad esempio pensando qualcosa di negativo,non so qualche esame universitario che non e andato bene,mi succese che il cuore rallenta e mi sento mancare il respiro,tutto ciò dura pochi secondi per poi svanire,dato che il disturbo è frequente vorrei sapere sempre nei limiti di un consulto on line di cosa potrebbe trattarsi grazie mille.
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Tutte queste sono reazioni automatiche allo stress e dipendono dal nostro cervello "arcaico", cioè da quello che abbiamo in comune con gli altri animali.

In condizoni di pericolo le reazioni possono essere due: A) scappare o combattere (e quindi, in preparazione allo sforzo la pressione sale e il vuote batte più veloce) oppure B) fingersi morti (allora il battito rallenta, la pressione scende, si impallidisce). In certe occasioni so può avere anche una perdita di coscienza completa.
[#4] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
Capisco Dottoressa,dato che sono uno studente di infermieristica(anche se il mio sogno è fare il medico,infatti l'anno prossimo tenterò per medicina),ho pensato che potrebbe trattarsi di una stimolazione vagale provocata dalla mia mente(tramite un emozione spiacevole),dato che come ricordo il sistema nervoso centrale e il cuore sono in stretto contatto,però magari potrei sbagliarmi,potrebbe trattarsi di ciò secondo lei '?
[#5] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Appunto, in condizioni di stress si può avere o un' attivazione simpatica (preparazione al combattimento o alla fuga) o una parasimpatica (simulazione di essere morti, che nel mondo animale serve a eliminare l'interesse di molti predatori, che non mangiano prede già morte).
[#6] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera Dottoressa ,mi scusi se la ricontatto,le volevo dire che ultimamente mi accade di avvertire questo disturbo allo stomaco con conseguente rallentamento del battito e respiro pesante momentaneo anche in altre situazioni,ad esempio a volte mentre sto seduto e mi alzo di scatto mi accade ciò,influenzato soprattutto dal pensiero ad esempio oggi dopo pranzato stavo seduto a guardare la tv e mi sono alzato di scatto per rispondere al telefono,inizialmente ho avvertito questo disturbo lieve,poi con il pensiero in una frazione di secondo è aumentato notevolmente,le volevo chiedere se ciò e normale e se a lungo andare vi possono essere conseguenze e se magari devo approfondire la situazione,mi scusi ancora per il disturbo,e grazie.