Utente 345XXX
Salve
So gia che mi dilungherò iniziamo.
partiamo dal problema: il mio attuale medico di base parla di frenulo corto, ho difficolta nel tirare giu la pelle maggiormente con il pene in erezione.
premettendo che:
1 ho sempre avuto (fino a qualche mese fà) dei rapporti sessuali con la mia compagna senza alcun tipo di problema dolori durate erezioni tranne forse per un fatto di sensibilità che vi spiegherò nei prossimi punti
2 ci siamo trasferiti da poco e ho perso il mio medico di famiglia da una vita.
ora veniamo ai vari problemi; sono molto sensibile a medici e discorsi medici per intenderci sono svenuto nella visita con il medico di famiglia e sono svenuto cercando info su internet tutt ora mentre scrivo ho nausea fiato corto e sto prendendo pause per il malessere che mi causano questi discorsi.
il medico mi ha parlato di una piccola operazione in day hospital presso un dermatologo (in privato e a pagamento) secondo lui molto bravo.
ora come anticipavo nella prima premessa soffro di sensibilità esagerata del glande non sono mai riuscito a toccarlo e quando per la visita il medico l ha toccato il dolore è stato intenso (sommato all ansia/attacco di panico della visita mi ha buttato giu come una pera cotta) questo dolore ovviamente se non coperto dalla pelle, se (come ho capito) dopo l operazione la suddetta parte rimmarrà scoperta dalla pelle che per 25 anni l ha protetto come faccio a fare le cose piu basilari? mettere le mutande, camminare, ecc.
come posso comunque combattere questi malesseri con la "medicina" visto che a prescindere dai miei dubbi dovro sicuramente operarmi? sto male (non in senso figurato) solo all idea di un ulteriore visita figurarsi una, seppur piccola, operazione.
vi ringrazio in anticipo per gli aiuti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

non è il caso di allarmarsi, ma anzi si tranquillizzi e ci spieghi meglio se in passato tutto era nella norma e cioè il glande si scopriva normalmente senza nessun tipo di problematica e quindi solo da pochi mesi la situazione è cambiata non permettendo più al glande di scoprirsi oltre ad essere molto sensibile.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
Salve e grazie della risposta
partiamo dalla sensibilità. si c è sempre stata ma non ha mai causato problemi nei rapporti con la mia compagna. ho sempre avuto rapporti completi fino a qualche mese fa dove ho iniziato a sentire "tirare" non dal frenulo ma dalla circonferenza della pelle sulla punta (credo comunque che sia tutto collegato) nelle prime circostanze la pelle nella punta si arrossava e gonfiava a fine rapporto per poi sgonfiarsi nel giro di un ora circa presentando oltre a questi sintomi anche bruciore e dolore. il medico in quella circostanza mi consigliò una pomata funghicida e un sapone delicato consigliando vivamente di "andarci piano". dall alto della mia ignoranza ho da subito sospettato che una micosi non fosse il mio problema. gli ultimi "tentativi" risalgono a qualche settimana fa con lubrificanti e/o preservativi. in entrambi i casi la lubrificazione favoriva il rapporto ma non riusciamo a provare piacere o a "concludere" con nessuna delle 2 "scorciatoie". spero di avervi dato informazioni utili per un aiuto. ne ho davvero bisogno visto che oltre alla salute anche il rapporto con la mia compagna ne sta risentendo sensibilmente.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

mi sembra di aver capito, anche se non è stato ancora chiaro, che sia presente una fimosi secondaria a fattori infiammatori/infettivi che andrebbero valutati e diagnosticati dallo specialista per impostare una terapia medica specifica.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
quindi mi sta dicendo che l operazione potrebbe non essere necessaria? e per il problema della sensibilità?ci sono procedimenti per eliminare questo sintomo? x quanto riguarda la mia involontaria reazione fisica di malessere all argomento? per intenderci ho avuto uno svenimento e conati di vomito cercando informazioni sul suo sito.
grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

non si spaventi per così poco, le ho già ripetuto che deve farsi vedere direttamente per stabilire se e come proseguire.

Ancora cordialità