Utente 344XXX
Salve dottore,
Innanzitutto la ringrazio anticipatamente per il la sua eventuale futura risposta.Da un po' di tempo ho dei sintomi di carattere neurologico( senso di perenne stanchezza, difficoltà di concentrazione) che ho notato che sono leggermente diminuite nel periodo in cui assumevo integratori vitaminici ( a base di vitamina c). In base a questo miglioramento ho deciso di fare le analisi per questa vitamina da cui è venuta fuori una lieve carenza ( 24,9 ; valori di riferimento : 26,1 - 84,6). La cosa potrebbe non sorprendermi poichè non sono mai stato un'accanito mangiatore di frutta e verdura, alle quali ho sempre preferito pasta e carne. Oltre alla vitamina c ho eseguito anche quelle della B12 che sono risultate nella norma ( 295,3 ; valori di riferimento: 208 - 964) pero' sempre tendendo verso il basso il che non dovrebbe preoccupare perchè è comunque nei limiti, ma mi fa sorgere un dubbio visto che comunque sia, mangiando poca frutta e verdura, rimangono soltanto pasta ,pane e cibi di origine animale ( dove ho letto che si trova principalmente la B12). Alla luce di queste analisi vorrei porvi due domande
1) la sola carenza di vitamina c puo' spiegare una difficoltà di concentrazione tale da "costringermi" ad abbandonare gli studi a causa dello scarso rendimento?
2) Se la sola vitamina c non fosse in grado di spiegare questi sintomi, è possibile che sia un problema legato a piu' vitamine e che ci sia quindi qualcosa nell' intestino che impedisca il corretto assorbimento delle vitamine stesse?

Grazie per l'attenzione
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Il suo racconto non depone per carenze vitaminiche.

Cordialità