Utente 565XXX
Nonostante la mia giovane età da qualche anno ho notato la comparsa di fasci di capillari su entrambe le gambe,che inizialmente erano quasi impercettibili mentre ora sono molto evidenti a tal punto da provocarmi un notevole imbarazzo in quanto risaltano molto sulla mia pelle,che è molto chiara. I capillari sono abbondanti,soprattutto sulla coscia destra davanti e di lato (è decisamente inguardabile)e sul lato del polpaccio. In questo ultimo periodo ho notato la comparsa anche vicino alla caviglia,sono molto piccoli.
Premetto che mia madre ha lo stesso problema e sta facendo iniezioni di sclerosanti da quasi un anno.Le sue gambe sono migliorate moltissimo anche se qualche difetto è ancora presente.Sicuramente è una predisposizione genetica ma io vi chiedo,il trattamento con sclerosanti o laser sono gli unici rimedi possibili?! Non conduco una vita sedentaria,sono una persona sportiva e sto molto attenta all'alimentazione e non sono in sovrappeso. Perchè mi si presenta questo problema in età così giovane? con l'avanzare dell'età come diventerò? mi consiglia di iniziare lo stesso trattamento che segue mia madre nonostante i miei 20anni?
Ci tengo a risolvere questto problema perchè mi da molti problemi dal punto di vista relazionale non frequento in piscina e al mare da circa 3 anni per questi inestetismi,perchè mi vergogno del mio corpo,di farmi vedere dal mio fidanzato e a volte non riesco neanche a guardare le mie gambe.non riesco a parlarne con nessuno,tantomeno con mia madre che ha il mio stesso problema.
Perdonatemi questo ultimo sfogo ma sono veramente disperata.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
La comparsa di teleangectasie rappresenta una delle manifestazioni dell'insufficienza venosa e l'esordio e la successiva progressione alla sua età non devono meravigliarla nè scoraggiarla, ma indurla a mettere in atto con determinazione le misure preventive più efficaci per contenerne l'evoluzione e quelle terapeutiche per controllare quanto già in atto.
La invito, se non l'ha già fatto, a leggere l'articolo sull'argomento nella sezione MinForma:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=26739