Utente 167XXX
Buongiorno,
vi scrivo dalla provincia di Messina, sono donna di 32 anni e alla mia 4 gravidanza. La prima andò terribilmente con una mef alla 32 sett. Dopo di cio' ho fatto tutti gli esami del caso e niente di rilevante. La seconda gravidanza ok, bambino nato a 36 sett per rottura membrane ma alla nascita bilirubinemia e anemia emoilitica necessitante di trasfusione. Mi fecero una lunga serie di analisi, ho gli anticorpi anti c piccolo, risulto che sia il bimbo che io siamo carenti di G6pdh, tutte le altre ricerche mirate ad altre malattie emolitiche nulle, tutto ok. In seguito alla prima gravidanza scoprii degli anticorpi antitireoglobulina a antitireoperossidasi. Ma nella seconda gravidanza mi sono fatta seguire da un endocrinologo, il quale mi disse che quegli anticorpi erano li perchè avevo avuto una tiroidite che si era risolta comunque senza intaccare gli ormoni. Nella 2 gravidanza nel 2010 sono stata trattata con un po' di eutirox, e dopo qualche mese ipertiroidismo curato con un anno di tapazole, poi nulla. Durante il ricovero di mio figlio mi fecero una lunga serie di esami ma: intanto nn mi dissero cosa fossero questi anti c e cosa comportassero, mi dissero che il favismo nei maschi alla nascita dà emolisi e vista la gravità era dovuta sia a questo che alla incompatibilità nei sottogruppi, poi altri esami che nn ho mai saputo cosa fossero.In verità mi dissero nulla di rilevante, e chiesi pure al medico di famiglia che disse niente di che....
Autoimmunità:
Ana 1:20 (<1:40)
nDNA negativo (0,00- 150,00)
ENA
SS-A (Ro) negativo
SS-B (La) negativo
Sm Negativo
Sm-RNP negativo
Anticorpi AMA negativo
ASMA negativo
ANCA negativo
Anticorpi anticitoplasma(ANCA)
c-ANCA 0,1 (0,0-5,0)
p-ANCA 2,0 (0,-5,0)
Immunoglobine
IgA 86 (70-400)
IgM 130 (40-230)
IgG 1348 (700-1600)
VCA IgG chemiluminescenza 291 (<20 negativo >= 20 positivo) ******
VCA chemiluminescenza <10 (<20 negativo >40 pos)
Nuclear Antigen IgG (chemiluminescenza) 291 (<5 neg >20 pos)*******
Early antigen IgG chemiluminescenza 40,80 (<10 neg >40 pos)********
Herpes simplex x1IgM ELISA 0,17 (<0,90 neg)
Herpes simplex 2 IgM elisa 0,14 (<0,90 neg)
anti varicella neg
anti morb pos, l'avevo preso
anti parvovirus negativo
Cmq nel 2013 ho la terza gravidanza, controllo regolarmente il titolo degli antic c con il coombs indiretto, mi raggiunge 1/32, faccio consulto da ematologa che nn mi sugg nulla se non fare ctrl ecografici e commbs settimanalmente con indici di emolisi. Il ginecologo mi ctrl regolarmente il flusso dell'arteria cerebrlae media, tutto bene. Il bimbo nasce, presenta ittero in terza giornata con coombs positivo ma si risolte tutto senza alcuna terapia o necessita.
Ora sono alla 13 settimana, già alla 5 ho fatto il primo coombs e son partita con un titolo molto alto 1/64. sono andata dall'ematologa . Dagli esami riportati devo temere di essere a rischio malattie autoimmuni o cancro? il ginecologo che ho sentito ora mi ha detto: chissà lei che ha che uccide i figli. sono perplessa..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La malattia autoimmune di cui soffre è la tiroidite di Hashimoto, che deve controllare periodicamente - e in maniera particolare durante la gravidanza - con i relativi dosaggi ormonali e l'ecografia del collo dal Suo endocrinologo di fiducia.
Nel Suo racconto non vi è alcun elemento che possa far sospettare una malattia autoimmune sistemica.

La positività del test di Coombs indiretto esprime la presenza di anticorpi anti-globulo rosso (nel Suo caso anti-antigene c). Anche se con i pochi dati a disposizione non si può avere la certezza, è verosimile che l'immunizzazione sia avvenuta durante la prima gravidanza. L'ittero neonatale dei Suoi figli trova una buona spiegazione nella presenza dell'antigene c nel loro globuli rossi (ereditato dal padre).
Il titolo di 1/64 non è preoccupante, ma sarebbe opportuno che fosse seguita in un centro per le gravidanze a rischio. A tal proposito, spero vivamente che non voglia affidarsi a quel genio che avrebbe detto «chissà lei che ha che uccide i figli».

Saluti e in bocca al lupo,
[#2] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Grazie innanzitutto per la sua risposta! Beh per quanto riguarda la tiroidite di hashimoto sono ben seguita dall endocrinologo ed effettuo esami ogni mese per adesso ed eco ben presto.Cmq per questo mi sento ben seguita. Il fatto è che mi è stato suggerito per abbassareil livello degli anti c, diminuendo ma non cancellando il rischio di MEN, di fare la plasmaferesi terapeutica e immunoglobuline. Dunque ho contattato un doc del policlinico di Messina che se ne occupa. Ma questi mi ha riferito che non avendola mai fatta in gravidanza nn se la sente di farla in regime ambulatoriale ma di fare in corrisp un day hospital per stare sotto ctrl. A tal proposito mi ha suggerito di farmi seguire daun ginecologo del policlinico per avere appoggio li. Premetto che tutte le mie gravidanze sono state ben seguite da un ginecologo di Barcellona e che sebben, l'ospedale non qui non sia prestigioso come il policlinico, lui è molto scrupoloso, ben preparato, e soprattutto molto umile. Difatti ho preso parere al policlinico ma continuerò a farmi seguire dal solito ginecologo di cui mi fido. Preferisco partorire in un piccolo centro e caso mai trasferirmicon il bambino se ce ne fosse necessità. Anche la prima gravidanza fu da lui ben seguita, anche se ando' male. Poi lui stesso ci mando' a fare tutti gli esami del caso, genetici e altro.
Il doc di cui le parlavo del policlinico gestisce l'ambulatorio delle gravidanze a rischio, ma si trovava li giusto per caso. Ha anche aggiunto che non mi garantisce che non morirà qsto bambino..... Gli ho detto che vadacome vada, me la vedrò io.... Ci ha pure detto che dopo la MEF non avremmo dovuto fare un altro bambino, visto che non sapevamo cosa lo avesse ucciso, e neanche farne un altro dopo un figlio che ha avuto la MEN, seppur quello dopo per un caso nn ha avuto nulla..... E poi quel CHISSA CHE HA CHE UCCIDE QSTI FIGLI... AVRA' UN SISTEMA IMMUNITARIO CHE NON FUNZIONA....
meno male che sfiniscono un bel po' i miei bimbi senno' non avrei trovato sonno!
Grazie per avermi dato risposta in merito alle mie domande. Quei nucler ed early antigen non devono allora preoccuparmi molto.
Mi farò seguire dal collaboratore di quel doc che sembra diverso da lui e in contemporanea dal mio usuale ginecologo.
Di nuovo grazie e saluti
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La positività per anti-c è debole e di per sé non indica al momento alcun tipo di terapia, men che meno una plasmaferesi.
Consideri che solo molto raramente si assiste a MEN in presenza di anti-c.
È chiaro però che tali anticorpi rappresentano un'anomalia potenzialmente rilevante (soprattutto in un soggetto con una storia di MEF a 32 settimane, sebbene non ne sia nota la causa) per cui va ritenuto necessario il follow-up presso un centro altamente specializzato.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Di nuovo grazie e saluti