Utente 341XXX
Gentili Dottori,
volevo chiedervi una cosa: ma l'ecografia prostatica può essere di due tipi; ossia pelvica e transrettale; poichè soffro spesso di proctite e con infiammazione del retto, volevo sapere se per verificare lo stato della mia prostata, come richiesto dal mio urologo di riferimento, fosse possibile eseguire soltanto quella pelvica, visto che la transrettale potrebbe provocarmi molti più fastidi. Volevo infine sapere se i due tipi di ecografia hanno lo stesso valore, o uno dei due è migliore e più preciso dell'altro. Attendo le vostre cortesi risposte. Grazie! Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
caro signore,
meglio la transrettale, ma a giudizo del collega che la ha visitata. Le linee guida europee comunque danno la preferenza alla vista, test di stamey ed ev a PSA, non ritenedo, a ragione, le ecografie granchè dirimenti per un problema come il suo.
[#2] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta. Dunque l'ecografia prostatica o pelvica o transrettale hanno quasi la stessa efficacia. Il mio problema dovrebbe essere una flogosi prostatica giovanile, ecco perchè l'urologo mi ha detto di sottopormi ad una ecografia. Se quella pelvica determina un risultato analogo a quello della transrettale, allora visti i miei problemi, opterei per la prima che è meno invasiva e dunque meno problematica per me. Distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

un controllo adeguato della prostata doppo i 50 anni dovrebbe prevedere una valutazione digitale, non sempre particolarmente significativa (salvo evidenti noduli o infiammazioni acute), il dosaggio del PSA ( sempre meglio che il prelievo avvenga prima della valutazione digitale) ed una valutazione ecografica che consente di rilevare in maniera più accrata i diametri ( la dimensione) della ghiandola e la eventuale presenza di noduli sospetti o di elementi particolari rispetto ai dati precedenti ( l'ecografia TR consente una migliore valutazione della prostata anche se una ecografia addominale, transvescicale, può fornire indicazioni valide), Una uroflussimetria consente una buona valutazione della funzione minzionale.
cari saluti