Utente 345XXX
buongiorno,

mi scuso in anticipo per la mia domanda.
Vorrei poter sapere se un test del Dna oggi (con prelievo ematico o di cellule dalla bocca) è affidabile e da la certezza di aver identificato o escluso un padre. Ho sentito recentemente di quel caso di attribuzione in un primo caso ed esclusione in un secondo caso. Sinceramente mi chiedo quanto attendibili possono essere questi accertamenti? quanto ci si puo fidare? esistono altre motodiche per accertare un acorrelazione tra due indivui? nel caso in cui si sia già eseguito in passato ad un accertamento di questo tipo conviene fare un secondo test analizzando gli stessi marcatori ? ed in questo caso quale deve essere il risultato sugli stessi marcatori? Mi scuso dal fiume di domande ma credo che sia un tema delicato e vorrei se possibile avere le idee chiare.
Grazie
[#1] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti
32% attività
8% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Caro utente,

i test di paternità si basano su un complesso calcolo statistico, per cui sono affidabili se eseguiti in laboratori certificati e che utilizzano protocolli riconosciuti a livello internazionale. Paradossalmente, la paternità potrebbe essere eseguita anche semplicemente attraverso la determinazione dei gruppi sanguigni. Oggi, con le tecniche a nostra disposizione, lo studio dei marcatori genetici ci permette di raggiungere un'alta affidabilità. Ogni individuo possiede nel suo DNA innumerevoli varianti (marcatori), la caratterizzazione di queste varianti è costante nel corso della vita. Dal momento che il nostro DNA non cambia, ugualmente non cambiano i risultati dei test genetici ai quali ci sottoponiamo.

Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta chiara.
Come si fa a comprendere che un laboratorio sia certificato e utilizzi dei protocolli riconosciuti?
Un profano come fa a riconoscere e scegliere sulla base di queste prerogative a quale centro affidarsi.

Mi scusi l'osservazione polemica ma come dicevo prima la cronaca ha dimostrato che nemmeno una struttura ospedaliera pubblica ha garantito tali requisiti.
Grazie