Utente 339XXX
Salve, sono una ragazza di 18 anni e da una settimana e mezza ho dei dolori.
premetto che sono una persona molto ansiosa, anzi direi che soffro di ipocondria e che quindi penso subito sia qualcosa di grave.
Dieci giorni fa circa, sono andata a nuotare per un'ora dopo che era da un bel po' di tempo che non andavo più. Il giorno dopo avevo un po' di mal di schiena e ho pensato che fosse normale, poi mi sono piegata e ho sentito una specie di "scossa" alla bassa schiena sinistra e subito dopo ho sentito anche male alla coscia sinistra.
Per due/tre giorni mi sono unta con "Feldene" e "itamidol" e la schiena andava meglio, la gamba dipendeva dai giorni a volte mi sembrava di avere il tiranervi alla coscia. L'altro giorno a letto mi sono girata male e ho sentito dinuovo una scossa che non mi ha fatto dormire tranquillamente. Nei giorni seguenti la schiena andava un po' meglio bastava che non facessi movimenti bruschi. Oggi però mi è ripreso male però direttamente a tutta la bassa schiena sia sinistra che destra e alcune volte alla gamba.
Stanca di sta situazione sono andata dal medico di base che mi ha prescritto "l'efridol". Cosa può essere? Colpo della strega? O semplicemente infiammazione?
Perchè ho iniziato a pensare subito al peggio del tipo sclerosi multipla ma questo è dovuto all'ansia. Cosa posso fare per diminuire il dolore?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Per il dolore può andare bene il FANS prescritto dal medico, ma la cosa importante è stabilire la diagnosi prima che la terapia, perché questa dipende esclusivamente da quella. Lei chiede a noi "cosa può essere" ma la risposta Gliela può /deve dare il Suo medico che, immagino, prima di prescrivere l'antinfiammatorio, L'ha interrogata, ascoltata e visitata. In ogni caso, visto che il dolore persiste è opportuno che torni dal medico perché rivaluti il quadro clinico e decida se occorrano accertamenti e/o una visita specialistica. Probabilmente la lombosciatalgia (che, lo ricordo, non è una diagnosi ma un sintomo) deriva da un'infiammazione di una radice nervosa in conseguenza dell'affaticamento dovuto alla nuotata, ma ovviamente la diagnosi la potrà fare solo chi L'avrà visitata. Nell'attesa eviti sforzi, piegamenti, torsione del busto, sollevamento di pesi , ecc.
Cordiali saluti