Utente 346XXX
Buonasera a tutti, sono un ragazzo di 23 anni. Da circa 7 mesi a questa parte ho avuto qualche problema di erezione.
Premetto che in circa 6 anni di attività sessuale con svariate partner tale situazione non si era mai presentata. In pratica con la mia attuale ragazza inizialmente non riuscivo ad avere un erezione. Con la masturbazione si ma solo su stimolazione continua, mentre prima era un meccanismo immediato.
Ho sofferto di attacchi di panico e ansia generalizzata per circa due anni e mezzo. E ho assunto daparox, partendo da 20 gocce, e dopo un anno e mezzo arrivato a 3 gocce, ho avuto una ricaduta, e ho preso 10 gocce, scalando fino a 20 giorni fa, in cui ho tolto completamente il daparox, incentivato anche da questa problematica.

Ho fatto una visita urologica (ecodoppler prostatico) per fastidi ai testicoli, ma è risultato tutto nella norma. Il medico mi ha detto che il mio problema d'erezione altalenante (in quanto l'erezione dopo il primo mese quasi assente, è migliorata, poi di nuovo peggiorata, continuando cosi fino ad oggi) era dovuto all'assunzione per lungo tempo dell'antidepressivo.

Ho parlato con il mio psichiatra, del problema e abbiamo affrontato quella che poteva essere la causa psicologica. Ammetto che una situazione del genere provoca uno stress non indifferente. ma ne ho parlato apertamente con la mia partner, e questa cosa l'ho affrontata direttamente con lei, con serenità (in quanto i rapporti soddisfacenti li abbiamo avuti, seppure in modo discontinuo).
In seguito la mia ragazza ha fatto un tampone, ed è risultata la candida. Abbiamo fatto una cura ed è passata.
Tra i miei sintomi c'era bruciore nella minzione oltre ai bruciori, e ho fatto un tampone anche io: Stafilococco aureo. Da pochi giorni ho finito la cura di antibiotico. In più per i bruciori ho fatto una visita dermatologica, nella quale la dott.ssa mi ha diagnosticato una dermatite seborroica, che sto attualmente curando.

La mia domanda è: questo senso di fiacchezza genitale. Lentezza nel raggiungere l'erezione. Meno "potenza" dell'erezione. Fasi altalenanti di miglioramenti e peggioramenti. Si può facilmente dire che sia stato causato tutto dall'assunzione di Daparox? Non ho mai avuto problemi in 2 anni che l'ho assunto. Poi da 7 mesi è iniziata questa fase.
Ora sto assumendo samyr 400 per purificarmi dal medicinale.
Rielenco i sintomi generali:
- Poca sensibilità (credo dovuta alla dermatite)
- Erezione lenta e più debole rispetto al passato
- Erezioni spontanee quasi assenti, o deboli
- Erezione completa solo su lunga stimolazione
- Pene a riposo talvolta freddo sulla punta.
- Pruriti anali, scroto e pene (credo sempre dovuti alla dermatite)
- Fiacchezza generale

è come se rispetto al passato il pene sia meno "attivo" anche a riposo.
Inoltre durante i rapporti se smetto per circa 10 secondi la penetrazione o la stimolazione, tende leggermente a indebolirsi.

Spero di essere stato abbastanza chiaro.
Aspetto una risposta.
Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

difficile dare tutta la colpa del suo problema all'antidepressivo da lei preso; da quello che ci racconta sembra che ci siano da considerare forse anche importanti fattori di tipo psicologico.

Risenta ora in diretta il suo andrologo di riferimento.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html ,

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dott. Beretta per la celere risposta.
Credo anche io che vi sia una componente psicologica. Ma causata da una situazione fisica altalenante.
Farò tra una decina di giorni una visita andrologica.
Ho anche fatto l'analisi del testosterone che è uscita buona.
Mi chiedevo, l'antidepressivo che ho preso, se ha in qualche modo inficiato sulla situazione, quanto tempo resta in circolo?
Io ho sospeso il daparox 20 giorni fa. Quando posso essere diciamo sicuro di non essere più influenzato dagli effetti collaterali del medicinale?
Inoltre ho letto che il daparox porta un aumento della prolattina.
Mi conviene fare un analisi anche di quest'ultima?
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

20 giorni sono sufficienti per "essere sicuro di non essere più influenzato dagli effetti collaterali del medicinale".

Controlli anche la sua prolattina e poi senta, come già stabilito, il suo andrologo di riferimento.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
Eccomi di nuovo. Poco prima della.visita andrologica di un mese e mezzo fa, la situazione stava migliorando. L'erezione era un po più forte e avendo iniziato la cura per la dermatite mi sentivo meglio anche per quanto riguarda i bruciori. Ma da un mese a questa parte il problema si ripresenta.
L'andrologo non mi ha prescritto nessuna indagine ulteriore se non quelle batteriche (tampone e spermiocultuta) ritenendo che il problema d'erezione fosse dovuto in parte dalla.causa psicologica e in parte dalle continue irritazioni.
Ma al di la delle irritazioni... E la candida che ho contratto nuovamente insieme alla mia partner... Il problema persiste.
Sono riuscito ad avere rapporti ma l'erezione è sempre lenta e anche quando c'è... non è mai come prima di questi 10 mesi. In pratica la durezza dell'erezione non è più stata la stessa. Questa è la mia preoccupazione.
Ultimamente ho avuto delle fitte al testicolo sinistro e all'addome sempre sul lato sinistro. Ma la visita dall'urolpgp e l'andrologo l'ho fatta e Mi hanno detto che era tutto OK.
Ma vorrei assodare una volta per tutte il problema dell'erezione.
Capisco la.componente psicologica. Ma anche nei momenti migliori non è stata forte come sempre.
Questa cosa mi sta scocciando. Perché al di la delle irritazioni quando c'è desiderio l'erezione dovrebbe essere immediata e forte. Non media.
Cosa posso fare? Voglio solo avere la conferma che dal punto di vista funzionale non ci sono problemi. Che indagine fare per avere la conferma definitiva che non ci siano problemi di natura funzionale?
Sono 6 anni di partner diverse senza mai problemi. Vorrei che tornasse tutto come prima.

Grazie in anticipo
[#5] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
PS. Ho fatto esami di prolattina e tutti gli ormoni. Tutto nella norma.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

per sapere quali sono le precise tappe diagnostiche da seguire, bisogna ora risentire in diretta sempre il suo andrologo di riferimento e con lui valutare le indagini più mirate alla sua specifica situazione clinica.

Un'idea di quello che l'aspetta comunque la può comunque ritrovare rileggendo gli articoli a lei già consigliati:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184/quando-l-erezione-e-d ,

http://www.medicitalia.it/minforma/Andrologia/1234/Nuove-terapie-emerge ,

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Ancora un cordiale saluto.