Utente 346XXX
Vorrei una spiegazione più semplice sull'esame ecografico effettuato ecocolordoppler T.S.A.: vasi carotidei bilateralmente senza alterazioni del profilo e/o del calibro. Ispessimento subintimale diffuso, di grado iniziale (IMT=0,9 mm.), su base microangiopatica diabetica. Assenza di stenosi carotidee emodinamicamente significative (si segnala coiling della carotide interna di sinistra, con turbolenze al doppler pulsato, aspetto a mosaico al color e aumento della vps fino a 3,8 m/sec.) Vasi succlavi e vertebrali senza alterazione del calibro e/o del profilo: Flusso ortodromico su succlavie vertebrali. Assenza di fenomini di emostorno succlavio bilateralmente. Note di compressione "ab estrinseco" sulle vertebrali, più accentuate a sinistra, dove il vaso appare tipicamente incurvato all'origine. Vorei una spiegazione più semplice gentilmente
[#1] dopo  
Dr. Emanuele Ferrero
32% attività
0% attualità
8% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,

con i limiti di un consulto a distanza le posso dire se non fossi esperto anche io non capirei un referto del genere. Ciò detto la posso tranquillizzate poiché dal suo esame non si evince nulla di patologico.
Andando con ordine:
- IMT è ispessimento mio-intimale che al di sotto di 0.9 non è da considerarsi patologico, si definisce patologico se > di 1.20 mm
- il colini vuol dire che il vaso curva su se stesso (se mi permette tipo la coda di un maialino) ma in assenza di turbolenze elevate non è da considerassi pericoloso, come nel suo caso
- tutto il resto vuol dire che non ha nulla di particolare.
- per quanto riguarda la compressione ab estrinseco vuol dire che i vasi vertebrale sono un po' schiacciati dall'esterno, una compressione meccanica, ma che non determina alterazioni di flusso

La letteratura ci dice che l ’aumento dello spessore mio-intimale carotide (IMT) e la presenza di placche sono predittivi di aterosclerosi in altri distretti vascolari e di eventi avversi. Quindi il suggerimento è, tramite il suo medico di famiglia, eseguire i vari esami di screening e instaurare una dieta equilibrata e ridurre i fattori di rischio.

Per una migliore comprensione sulla pomologia carotide può leggere questo articolo http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/1863-stenosi-carotidea.html