Utente 287XXX
Cari Dottori,
Sono un ragazzo di 22 anni e sono gay, vi espongo un problema che ormai va avanti da diversi mesi. Tutto incominciò con una screpolatura sul glande, successivamente cominciai ad andare spesso ad urinare. Con una cura antibiotica ad ampio spettro d'azione risolsi il problema della minzione frequente. Lo stesso non vale per il rossore al glande e al prepuzio. È un rossore (tipo alone sfumato e si confonde con il colore naturale del pene) che va e viene: si presenta, permane per qualche giorno e poi regredisce da solo spontaneamente. Più delle volte questo rossore non è accompagnato con nessun altro sintomo (eccetto il lieve prurito ogni tanto). Ma questa volta insieme al rossore ho notato che vado più spesso ad urinare senza altri disturbi (bruciori e cose varie). Non vado spesso ad urinare come al principio quando presentai i disturbi per la prima volta, ma ho notato una maggior frequenza dal solito. I primi di gennaio feci i seguenti esami tutti negativi:
- spermiocoltura c/ ricerca germi comuni, clamidia, candida, trichomonas e micoplasmi.
- test hiv e sifilide.
- tampone uretrale c/ ricerca clamidia, germi comuni, candida, trichomonas, micoplasmi.

Io sinceramente sono un pó in disaccordo con il fatto che la causa di questo disturbo sia di natura sessuale perché non ho spesso rapporti sessuali e quei pochi che ho fatto sono sempre stato con grandissima attenzione durante il rapporto sessuale a non rompere il profilattico aiutandomi con il gel della nota marca di preservativi fatta eccezione per la fellatio che non pratico mai (mi faccio praticare). Ma mi sembra strano prendere un'infezione con una fellatio, anche perché la prima volta che ebbi i disturbi stavo in astinenza totale da tanto tempo!
Capisco perfettamente che per un'ulteriore esame colturale (urinocoltura) devo fare visita specialistica, ma proprio perché questo rossore va e viene rischio che in attesa della visita il rossore se ne vada. Quindi mi potete consigliare che esami effettuare per fare una urinocoltura e un tampone al glande? Una volta il mio medico mi consigliò una "urinocoltura con ricerca germi comuni, clamidia, trichomonas, candida, ureaplasma, micoplasma." Invece per il tampone al glande che ricerca posso fare? Spero possiate capire la mia situazione e l'impossibilità a poter fare una visita specialistica per via di questo rossore che va e viene. Grazie mille, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
L'arrossamento al glande e al prepuzio non sempre derivano da presenza di agenti patogeni ma possono essere espressione di una iper-reattività mucoso-cutanea provocata da una alterata degranulazione dei mastociti con liberazione di mediatori che facilitano l'infiammazione e l'eventuale super-infezione batterica.

Una volta esclusa,quindi, la presenza di agenti patogeni conviene affidarsi alle cure di un Andrologo o,forse meglio, di un Dermosifilopata per il trattamento dell'affezione.

A presto.