Utente 310XXX
salve vorrei sapere un informazione riguardo il bisoprololo soffro di extrasistole ventricolare che da tutti i controlli effettuati risulta di tipo benigno che è quasi scomparsa dell tutto con 1,25mg di bisoprololo adesso vorrei sapere . i betabloccanti possono essere utilizzati come criterio diagnostico ad esempio se c,è qualcosa di organico al cuore e quindi se non si trattasse di ansia o altre cause extracardiache i betabloccanti funzionerebbero egualmente cioè il betabloccante puo essere paragonato al ansiolitico come criterio diagnostico? cosi come gli ansiolitici che se l extra passa con l ansiolitico allora e ansia mentre se non passa va indagata meglio . non so se mi sono spiegato bene ,grazie a chi voglia rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il betabloccante non è un ansiolitico, ma antagonizzando il sistema adrenergico può svolgere indirettamente un'azione di tipo "rilassante". L'extrasistolia però non è direttamente dipendente dall'ansia (almeno non è l'unico fattore che le determina, ma ce ne sono decisamente molto di più)....L'ansia amplifica la sensazione soggettiva indotta dall'extrasistolia e quindi alla fine se un'extrasistolia viene diagnosticata come benigna, il problema vero non è rappresentato da questa aritmia, ma dall'ansia che ne amplifica i sintomi e le rende poco tollerate.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
grazie . Arrivederci