Utente 296XXX
Buongiorno.
Nel 1998 mi è stata diagnosticato il prolasso alla valvola mitrale, senza rigurgito significativo. Da allora ho effettuato visite cardiologiche quasi annuali con esito sempre buono.
Ogni tanto avverto qualche extrasistole.
Oggi, mentre riposavo dopo pranzo, mi sono svegliata e ho avvertito delle palpitazioni, non so se cardiopalmo. Veloci, ma durate pochi secondi, dopo di che, con un'extrasistole, il cuore ha ripreso il ritmo normale.
Ogni tanto mi capitano episodi di questo genere (4 volte all'anno circa).
Sono un tipo ansioso e in questo periodo sto vivendo una vacanza che mi sta rilassando abbastanza (anche se non riesco a rilassarmi del tutto).
Devo preoccuparmi per le palpitazioni avvertite o posso farle rientrare nella fase digestiva, o come fenomeno in cui l'attività elettrica sta scarica la tensione accumulata nell'ultimo periodo?
Chiedo scusa per la mia apprensione.
Cordiali saluti, con riconoscenza.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara Sig.ra le sue ritengo siano banali aritmie per le quali non deve far nulla se non tranquillizzarsi. Il suo reale problema mi sembra sia l'ansia.
Cordialmente