Utente 750XXX
Egr. Dott.
da alcuni mesi soffro di dolori e bruciori al petto con prolungamento del dolore al braccio sinistro e formicolio alla mano sinistra. Ho 33 anni e da 3 sono in cura per i DAP (prendo lo Xanax associato ad una psicoterapia). Mio padre è cardiopatico ed ha subito un infarto con conseguente applicazionedi stent coronarico. Ho effettuato più volte controlli: ecg, ecocuore, esami del sangue (anche enzimi), RX toracica, eco allo stomaco, fegato, reni, pancreas, etc. Tutti gli esami hanno dato esito negativo a parte l'ecocuore che ha evidenziato un "atteggiamento ad uncino" ma con circolazione sanguigna regolare. Vorrei chiederle gentilmente se il mio dolore può essere di natura cardiaca e se l'angina pectoris può essere evidenziata dagli esami che ho eseguito. Confidando in una risposta e ringraziandoLa anticipatamente Le porgo i miei distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile paziente.

Ai dati che Lei ha elencato nel suo quesito, potrebbe essere utile aggiungere la durata del dolore, le modalità di insorgenza (a riposo? durante sforzo?) e se gli enzimi cardiaci sono stati eseguiti in occasione di un episodio di dolore.
Tuttavia si puo' affermare che la probabilità che una donna della sua età e con gli accertamenti elencati riferiti negativi, possa lamentare una cardiopatia ischemica, risulta estremamente bassa (anche con il rilievo anamnestico positivo di Suo padre).

A disposizione per ulteriori chiarimenti, ricambio i suoi saluti