Utente 347XXX
Buonasera,
io ho sofferto in passato (6 anni fa) di forti attacchi di panico, a seguito dei quali mi erano stati prescritti in dosaggio basso xanax (0,25 mg al giorno) e entact (10mg al giorno); gradualmente questa terapia mi ha fatto stare bene e adesso direi che il problema degli attacchi d'ansia sia quasi del tutto risolto e alle spalle.
Lo xanax lo prendo solo al bisogno, mentre l'entact mi era stato detto che essendo utilizzato in un dosaggio minimo potevo continuarlo senza problemi; il farmaco non mi ha mai dato effetti collaterali particolari (mal di testa, insonnia, stanchezza, nausea ecc.), sono però in questi anni ingrassato diversi kg che faccio fatica a perdere, sicuramente per via anche della vita più sedentaria e della crescita, però mi è venuto da pensare che anche questo farmaco possa rallentare il metabolismo, è possibile? Essendo inoltre passati 6 anni mi sembrerebbe anche il momento di interromperlo (nonostante sia stato tranquillizzato sulla "non dannosità" di questo), ma qui si innesca un secondo effetto, che ho invece constatato con certezza, e che mi "blocca" nel prendere la decisione; ho notato infatti in alcuni periodi in cui avevo interrotto la terapia, o per cicli pattuiti con il medico o per banali problemi di "assortimento", che il non prendere la medicina mi porta spiacevolissimi problemi di eiaculazione precoce (ho letto infatti anche sul libretto informativo che agendo sulla serotonina può influenzare la sessualità). So bene che argomenti così articolati vadano trattati di persona, però per avere intanto un'idea per essere più preparato ad una visita futura, volevo capire, se questi effetti sulla sessualità siano da considerarsi conseguenza di una dipendenza passeggera e reversibile o se avendo preso il farmaco per tanto tempo io abbia fatto dei "danni" duraturi; in quel caso potrebbe idealmente ritenersi appropriata una prescrizione di farmaci inibitori più specifici che agiscano solo sul problema dell'eiaculazione e quindi meno invasivi rispetto all'entact?
Spero di essermi spiegato e mi scuso per la terminologia un po' approssimativa.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
cercherò di essere sintetico, per quanto riguarda l'aumento di peso con tempi di terapia prolungati si possono avere in modo molto variabile degli effetti metabolici che implicano l'aumento di peso; la sospensione del farmaco deve avvenire in modo molto graduale per limitare gli effetti da "sospensione", come tutti gli ssri il farmaco prenta effetti positivi sul disturbo da eiaculazione precoce (come un farmaco specifico per questo problema che in pratica è un ssri)