Utente 274XXX
buongiorno a tutti
vi chiedo un consulto per alcuni disturbi che mi infastidiscono molto spesso
nel dicembre 2012,dopo circa 2 anni passati da specialisti in gastroenterologia della mia zona , dopo una visita cardiologica e dopo terapie a base di ipp e pirocinetici per un forte dolore alla bocca dello stomaco con dispnea e dolori diffusi che mi assaliva nelle piu' disparate situazioni sia di stress che durante sforzi che a riposo,sono stato colpito da un ima infero dorsale dovuto ad un occlusione totale di una coronaria.trattato dopo circa 5 ore dalla comparsa dei sintomi con l'inserimento di uno stent medicato.durante la degenza e' stata trattata una ulteriore occlusione de 70% con l'inserimento di un secondo stent mentre sulla cdx permane una occlusione totale compensata da un circolo collaterale ben formato (circa 90%)a detta del cardiologo che ha provveduto all intervento,inoltre mi e' stato detto sempre dallo specialista che il danno,benche presente e' stato molto limitato per fortuna.
la terapia che seguo e' seloken 100 1/4 di compressa al mattino e sera,a pranzo cardioaspirin 75 e ramipril 2.5 a cena atorvastatina da 20mg.
i miei valori di colesterolo si attestano attorno ai 100 totale,pressione min 80 max 130 media ,valori che avevo comunque anche prima dell'evento attribuito esclusivamente al fumo ed allo stress dal cardiologo del s.matteo ed ho effettuato un test da sforzo ca. 2 mesi or sono con sospensione dei betabloccanti risultato massimale a 150W senza problemi di sorta con ecocardio nella norma con un appunto sullo spessore del setto lievemente ridotto ed una fe del 55%(in acuto era del 40/45%).
la domanda che vi pongo e' questa:abbastanza spesso vengo comunque assalito da dolori allo stomaco oppure a destra o sinistra sotto al costato che si irradiano alla spalla dx a volte,meteorismo e anche capogiri,a volte una lieve mancanza di fiato senza dolori seguiti ovviamente da ansia
e conseguenti gite in pronto soccorso,fortunatamente tutte per nulla.inoltre ho peso allo stomaco dopo i pasti e spesso dolore alle gambe,ai pettorali ed alle spalle.(mi pare di essere un prontuario medico o geremia di alan ford).possono essere causati dai farmaci o la causa e' da ricercarsi altrove?
ho motivo di stare abbastanza tranquillo dopo quello che mi e' accaduto in base acli esami che ho effettuato o e' il caso di effettuarne altri?
inoltre la terapia farmacologica ,che e' quella di protocollo al policlinico,visti i valori di pressione e colesterolo e' adeguata o va adattata a me,in quanto,ho notato comunque una relazione tra il dosaggio di farmaci e i dolori e le difficolta' digestive.
posso anche pensare che visti i precedenti la mia sia anche ansia,ma dato che,prima dell infarto tutti gli specialisti concordavano sul fatto che fossero disturbi da ansia(!!!!)ed io soffrissi solo di reflurro gastrico,peraltro confermato da un cardias beante al momento non mi fido molto
ringraziando anticipatamente , rimanendo in attesa di una risposta e
scusandomi per la logorroica esposizione porgo i miei saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' possibile che i fastidi allo stomaco siano dovuti alla cardioaspirina e per questo potrebbe aggiungere alla terapia un protettore gastrico (se già non lo fà)....Per i dolori potrebbe tratarsi di mialgie. Faccia il dosaggio delle CPK che potrebbero essere aumentate per effetto dell'atorvastatina e giustificare i suoi sintomi....Parlo ovviamente al condizionale perchè a distanza non posso farle diagnosi, ma solo darle consigli. Per il resto condivido la sua terapia, del resto è seguito da un centro importante. Ovviamente deve assolutamente scendere di peso.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
la ringrazio moltissimo per la risposta celere ed esauriente
ho effettuato ieri gli esami del sangue ed effettivamente il valore s-cpk e' il doppio del valore massimo di riferimento ed il colesterolo totale si attesta a 101 di cui 28 il valore di quello "buono"
in questo caso e' conveniente sospendere le statine oppure ridurle ulteriormente anche se non credo che la riduzione a 10 mg possa portare a miglioramenti del valore di colesterolo totale in quanto,prima dell'ima i miei valori di colesterolo erano nella norma come pure quelli pressori.
parlando oggi con il mio curante,inoltre ha deciso di sostituire il betabloccante (seloken) con una nuova molecola (nebivololo da 5mg 1/2 compressa al di')in quanto negli ultimi mesi ho manifestato una fastidiosa disfunzione erettile,ed a detta del medico puo' essere causata dalla veccha molecola.
ancora una domanda.la terapia per la pressione e' necessaria nel mio caso in quanto i miei valori pressori sono sotto la norma oppure e' prettamente a scopo preventivo;in quanto comunque mi causa dei forti capogiri e,inoltre,domanda stupida,un infarto puo' essere causato esclusivamente dal fumo(2-3 pacchetti al di') e dallo stress secondo lei,in quanto,oltre a tutto non ho ereditarieta' ed anche il test genetico e' risultato negativo?
ringraziando nuovamente resto in attera di una risposta
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
troppe domande alle quali può rispondere solo chi la conosce bene e la segue per i suoi problemi cardiologici...Io a distanza posso solo cercare di immaginare come stanno le cose. Per le CPK probabilmente sono aumentate per effetto dell'atorvastatina, ma esistono statine più blande che possono non dare questo probelma (ma è una decisione che deve prendere il suo cardiologo). Per l'ipertensione se le stanno facendo assumere il ramipril è perchè è iperteso e quindi senza farmaci i suoi valori pressori ritornerebbero elevati (semmai và valutato se diminuire la terapia in caso di valori pressori troppo bassi, ma anche questo deve deciderlo il suo cardiologo di fiducia). Per le sigarette sono più che suffcienti per causare un infarto.
Saluti