Utente 347XXX
Salve, scrivo perché da tempo soffro di cistite ( sono una donna) ma solo da poco ho notato che ho problemi solo dopo rapporti non protetti completi. Con il mio ragazzo, infatti stiamo cercando di avere un bimbo ma la ricerca si fa ardua dato che esattamente un giorno dopo ogni rapporto arriva la cistite. Mi attengo a tutti i consigli che mi sono stati dati ( bere molto, solo intimo di cotone, mirtillo, fermenti lattici, igiene intima). Le mie urinocolture, sono di solito positive (ogni volta batteri diversi!) tranne l'ultima, ma io temo per errore del laboratorio dato che avevo tutti i sintomi di flogosi (brividi, febbre, cattivo odore delle urine, oltre ai solito bruciori). Pensando che potesse dipendere da un infezione del mio ragazzo ha fatto anche lui accertamenti. Le sue urinocolture sono sempre negative, abbiamo quindi fatto uno spermiogramma con spermiocoltura: negativo anche quello!! Riporto i risultati:
Aspetto bianco lattescente
Volume 2,5 ml
Omogenizzazione nella norma
Viscosità nella norma
Reazione ph7,5
Valutazione motilità e vitalità a due ore dall'eiaculazione
Elementi mobili 45%
Elementi poco mobili 25%
Elementi immobili 30%
Formula nemaspermatica
Forme normali 78%
Forme abnormi22%
Rare zone di spermio agglutinazione
Spermiocoltura sterile dopo 24 ore
Cosa posso fare?? Non so più cosa pensare ( ah, ho dimenticato di dire che mi è stato diagnosticato il papilloma virus, non con pap-test (sempre negativo) ma con biopsia di condilomi, potrebbe essere rilevante?i ceppi trovati sono i meno pericolosi)
Grazie per l'attenzione...aspetto vostri suggerimenti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

visto quello che ci scrive, e qui parlo soprattutto per il suo compagno, credo che a questo punto potrebbe essere utile una attenta valutazione o rivalutazione andrologica e con il vostro andrologo considerare la ripetizione del liquido seminale e relativa coltura in un laboratorio più dedicato ed aggiornato; infatti alcuni dati, da lei riferiti, soprattutto le "Forme normali al 78%" e la dizione "Spermiocoltura sterile dopo 24 ore" fanno pensare che è proprio un esame da ripetere, eventualmente insieme alle altre indagini che vi saranno consigliate.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio anche a nome del mio ragazzo per la risposta. Avevamo pensato anche noi di riprovare a fare l'esame altrove, nel frattempo dietro consiglio del mio ginecologo lui farà una cura di cortisone per un mese per vedere se queste zone di spermio agglutinazione andranno via.
Posso chiederle come mai quei dati da lei indicati la fanno insospettire riguardo al laboratorio? Giusto per capire!
Se i risultati fossero di nuovo negativi si potrebbe pensare comunque a una forma di infezione anche lieve ma che comunque a me crea problemi? Ad esempio le prostatiti sono sempre diagnosticabili attraverso questi esami?
Grazie ancora e scusi per le mille domande ma vorrei cercare di capire il più possibile....
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

forme normali al 78% con le nuove indicazioni date dall'OMS è come si mi dicessero che hanno visto volare un asino.

Sulle prostatiti le consiglio la lettura di questi articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
Salve, vi aggiorno riguardo la nostra situazione. Le cistiti dopo i rapporti continuano e io non so più cosa fare. Abbiamo deciso di parlare con un urologo che dopo aver ascoltato il nostro racconto ha deciso di visitare il mio compagno. La prostata dall'ecografia è risultata di dimensioni normali ma dalla visita molle (ha parlato di atonia prostatica) e dolorante. Pensando ad una prostatite ha consigliato al mio ragazzo tre cicli di trozocina. Domani dovrà iniziare il secondo.
Secondo voi questa potrebbe essere una diagnosi esatta? Potremmo aver trovato finalmente il problema? Non sappiamo davvero più cosa fare! Cerchiamo una gravidanza ma il nostro obiettivo si fa sempre più lontano...
Grazie dell'attenzione,
un saluto da entrambi
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Potrebbe essere quella ricevuta una corretta indicazione clinica.

Se altri dubbi sulle indicazioni ricevute sarà utile eventualmente sentire anche un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Ancora un cordiale saluto.