Utente 257XXX
Buongiorno,
ieri sera mia mamma, grattando la parte inferiore della gamba per rimuovere una "crosticina", ha iniziato a perdere abbondantemente sangue. Premetto che nella zona più alta della gamba soffre di vene varicose. In ogni caso siamo riusciti a fermare il sangue solo almeno 10/15 minuti, tamponando con un batuffolo di cotone imbevuto di disinfettante e successivamente con utilizzo di ghiaccio e cerotti.
Potrebbe aver rotto una piccola vena? è da tener controllata la cosa ora?

grazie
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
è verosimile che le manovre di grattamento abbiano determinato l'erosione di una varcosità superficiale.
In questi casi si ottiene l'arresto del sanguinamento mediante le manovre che sono state eseguite, ma soprattutto facendo assumere alla paziente la posizione supina con l'arto sollevato.
Nel prosieguo è opportuno applicare una adeguata elastocompressione.
Un controllo specialistico è indispensabile per il definitivo intervento (chirurgia, scleroterapia).
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore,
La ringrazio per la risposta.

L'applicazione di un'adeguata elastocompressione per quanto dev'essere fatta?
eventualmente può essere applicata anche una sorta di automedicazione data da garza?
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'applicazione di una elastocompressione, da tenere in situ alcuni giorni, dovrebbe essere affidata alle competenze almeno di un infermiere esperto, mediante applicazione di fascia elastica.