Utente 347XXX
Buona sera, sono uno studente di 22 anni e vi scrivo per sottoporvi un dubbio. da qualche mese avverto un fastidio localizzato a una quindicina di centimetri dal polso sinistro. tenendo la mano inclinata verso l'interno del braccio riesco a sentire, toccando con le dita, una "pallina" che è presente nella stessa posizione anche nel braccio destro. la differenza sta nel fatto che mentre nel destro tastandola non avverto alcun fastidio, quella del sinistro mi provoca un leggero dolore. mi sono recato dal dottore che mi ha prescritto delle pastiglie omeopatiche e una crema(arnica gel) per curare quella che secondo lui è una tendinite. dopo il trattamento (finito curca a febbraio) non ho avvertito un sostanziale miglioramento.
è possibile che sia una cosa piu grave? tengo a precisare che non svolgo nessuno sport e che lavoro ma saltuariamente. mi sono reso conto però che nel sonno piego entrambi i polsi verso l'interno del braccio involontariamente e che spesso, studiando in posizione supina, reggo il peso dei libri solo con la mano sinistra (quella della tendinite appunto). potrebbe essere questa la causa? tengo anche a dire che quello che sento non è un vero e proprio dolore, ma un fastidio sopportabile che si acutizza solo toccando la "pallina" all'interno del braccio che prima citavo. (non avverto nemmeno formicolio alla mano). in attesa di una vostra risposta, vi ringrazio anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certo, potrebbe trattarsi di una tendinite, ma è impossibile per noi fare una diagnosi; solo una visita specialistica diretta potrebbe consentirlo.

Aspetti qualche giorno e continui la terapia indicatale: probabilmente il disturbo scomparirà.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
gentile dottore,
la terapia prescrittami l'ho finita circa due mesi fa senza un netto miglioramento. è possibile che perduri così a lungo nel tempo una tendinite?
grazie,
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Certo, è possibile.

O fa un secondo ciclo di terapia, o si fa vedere da uno specialista, che le dirà esattamente di cosa si tratta e le imposterà la terapia migliore e più adatta al suo caso.
[#4] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dottore, la ringrazio per la velocità di risposta e le auguro un buona serata.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.