Utente 348XXX
Salve, ho effettuato giusto una settimana fa un'operazione di frenuloplastica con tecnica di Duhamel. Per tutta la vita il mio pene era stato coperto, e tranne da piccolino, non ero mai riuscito a portare la pelle in giù a causa di una fimosi credo serrata, poichè avevo una sorte di piccola proboscide alla punta del pene. Adesso riesco a mandare giù la pelle fino a sotto, nonostante incontri ancora qualche difficoltà di scorrimento. Noto ad esempio che se bagnato, le operazioni risultano molto più semplici. Dopo circa 3 giorni dall'intervento ho notato la comparsa di alcune macchie biancastre sul glande che non riesco ad eliminare nemmeno utilizzando acqua e sapone. Di cosa si tratta second voi? Ne ho lette tante: smegma, fibrina, siero. Non so cosa potrebbe essere. Altro dubbio: io fino ad oggi mi sono sempre masturbato con la pelle chiusa, facendo in un certo senso ruotare la pelle della punta del pene sul glande, forse strusciare è il verbo adatto. Ora che ho subito quest intervento non so proprio come fare: cioè, la pelle devo portarla ogni volta su e giu oltrepassando la corona?Perchè adesso questa prospettiva mi sembra impossibile..non riuscirei mai a raggiungere un buono scorrimento senza accusare dolore. Oppure posso continuare a non scoprire il glande come facevo prima dell'operazione? Vi ringrazio in anticipo per l'eventuale risposta. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,credo sia ancora prematuro trarre delle conclusioni circa l'esito della frenuoplastica.Ritengo,però,doveroso che sia un esperto andrologo a gestire il quadro clinico.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la rapida risposta..per quanto concerne la masturbazione, una volta terminato il giusto decorso, qual è la "tecnica" che dovrei adottare?ringrazio.