Utente 125XXX
Buongiorno,
da qualche mese soffro di disturbi di erezione che mi stanno creando non pochi problemi con la mia partner.

Circa tre mesi fa, sono rimasto bloccato a letto a causa di un forte dolore alla parte bassa della schiena e tramite una TAC lombo sacrale ho riscontrato di avere una ernia discale L5-S1, che si era presentata già qualche anno fa come protursione.

ho curato il dolore acuto con infiltrazioni specifiche ma ad oggi, pur essendo svanito il dolore acuto, è comunque presente un costante dolore che impedisci determinati movimenti (piegamenti, etc...)

in effetti noto, che già come circa 3 anni fa, i problemi erettivi si sono ripresentati con il ripresentarsi dei dolori alla schiena....

MI chiedevo pertanto se è vero, come ho ho letto in giro, che esiste una forte correlazione tra Ernia L5 S1 e problemi legati all'erezione e se esiste qualche rimedio che non sia l'intervento chirurgico che mi permetta di superare questo grave fastidio che sta condizionando sempre di più il rapporto con la mia partner

Al momento ho effettuato
1 Analisi del sangue consigliate da un andrologo che non hanno evidenziato particolari problemi (ho solo la prolattina un po' più bassa del minimo)

2. sto assumendo EZEREX (che mi ha prescritto sempre lo stesso andrologo) ma non noto miglioramenti...

3. tre mesi di nuoto ma non ho ottenuto migliorie, anzi il dolore sembra peggiorato e la disfunzione permane...

4 .ora sono in attesa di fare un eco-doppler penieno basale e dinamico (con caverject) ma non so ancora quando....

dati personali:
altezza: 188cm
peso: 101kg
corporatura:robusta
età:36

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro tente,il nesso tra le patologia a carico del tratto lombo-sacrale del rachide e la disfunzione erettile,sono noti ma,come ha programmato il suo andrologo,sarebbe necessario un completamento diagnostico che investa anche il comparto vascolare.
Ci aggiorni quando sarà posta la diagnosi andrologica.Cordialità.