Utente 348XXX
Salve volevo sapere come mai il mio fidanzato che ha 40 anni soffre di eiaculazione precoce dopo un anno circa che siamo insieme.. nel primo periodo era successo che non riusciva ad avere un erezione stabile, poi abbiam avuto qualche mese che andavamo bene, ora succede che dopo 30secondi viene, devo dire che soffre molto di insicurezza.. ho letto vari forum ed articoli ma non trovo una soluzione sopratutto perche non vogliamo prender medicine! Lui è stato 8anni da solo dopo una relazione di 9 anni andata male e dove praticava pochissimo sesso puo centrare il fatto che si sia masturbato x anni? E perche si crede inesperto con me? E se fosse quello il motivo.. come posso fare x aiutarlo a durare di piu? Abbiam provato il metodo start-stop ma non è cambiato nulla... dovrei dirgli di andare dal medico? Sto perdendo le speranze ed ho paura che questa cosa ci allontani e che alla fine ci lasceremo o lui perche sa di non rendermi felice o io perche non riesco a trovare una soluzione.
grazie infinite distinti saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,la eiaculazione precoce é il disagio sessuale più diffuso e le possibilità di risolverlo sono legate,innanzitutto,ad una corretta diagnosi andrologica che possa permettere una prognosi ed una terapia efficace.Le implicazioni psicologiche sono scontate e,considerando le tensioni che il problema vi crea,valuterei la necessità di consultare anche uno psicosessuologo.Il fai da te,é evidente,che non basti.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo alle riflessioni del DR.Izzo
Non si può partire dalla cura e per di più esclusivamente ginnica, senza la diagnosi e soprattutto senza un clinico di riferimento, che sappia farsi carico degli aspetti emozionali, relazionali e sessuali, della vostra vita intima.

l' eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza, ma sempre conseguente alla diagnosi e calibrata al singolo/coppia.

Vi sono svariati tipi di e.p.:
anteportas, intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale), primaria, secondaria, assoluta, situazionale.

L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico,
psicoterapia,
terapia di coppia ad orientamento sessuologico,
trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
farmaco on de mand( cioè al bisogno).

Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.

Le allego delle letture sull' e.p

http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce-prevenire-l-eiaculazione-precoce-Quell-incontrollabile-fretta-del-piacere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3220/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/libri/9-eiaculazione_precoce_riflessioni_e_strategie_per_risolvere_il_problema.html
[#3] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Avevo gia letto questi articoli in un altra risposta, vi ringrazio di cuore delle risposte.. ieri sera parlandone nuovamente con lui mi ha detto che sicuramente è una cosa psicologica la sua, sa benissimo di sentirsi a disagio, di pensare di non soddisfarmi, di non esser esperto come dovrebbe e vorrebbe e piu ci pensa e piu peggiora la situazione.. io ovvviamente in questo caso ho la mia grossa responsabilitá di aiutarlo a prender sicurezza in se ma un aiuto da uno psicosessuologo son sicura che sará piu utile di me, anche io mi lascio prendere a momenti, a volte lo rassicuro poi vedo che non cambiano le cose e cedo a dirgli cose che non vorrei per spronarlo ma hanno effetto contrario quanto pare.. un consulto medico sicuramente puo aiutarci!
Vi ringrazio ancora..