Utente 349XXX
Salve. Vi scrivo perchè ormai non so più cosa fare, vi racconto il mio problema: Quando avevo circa 14 anni, la mia mandibola cominciò a scricchiolare. All'inizio lo scricchiolio era poco, poi cominciò ad aumentare, fino a portare la stessa articolazione al blocco parecchie volte, spesso durante la masticazione. Mi rivolsi ad un odontoiatra, che mi fece provare tante soluzioni. La prima fu quella di un bite, all'inizio portò dei miglioramenti ma poi la situazione con il tempo peggiorò. Mi disse che andava corretta la posizione dei denti , e mi applicò un apparecchio, che portai circa per un anno. Alla fine di ciò, la mandibola continuava a scricchiolare ancora, ma almeno non si bloccava più, e per me questo fu già un grande passo. Concordammo con i miei di lasciar stare in quanto li riassicurai che ormai la cosa non era più tanta fastidiosa, e che potevo convivere con tutto ciò. L'odontoiatra mi diede un altro bite, da usare prevalentemente la notte , in quanto mi è stato detto che esercitavo una pressione elevata durante il riposo. A distanza di anni, son qui a chiedere un consiglio sul da farsi, perchè in precedenza la mandibola scricchiolava solo nel lato destro, e da un bel pò è partito anche il lato sinistro. Masticare non è un problema, ma la cosa è molto fastidiosa. Ogni tanto sembra che le ossa sbattino tra di loro, e questa vi posso assicurare che non è una sensazione piacevole. Inoltre, volendo parlare del lato estetico ,ho notato che la mia mandibola è vistosamente arretrata. Io non so più cosa fare, vorrei risolvere il problema in modo definitivo.. non so se si praticano interventi per risolvere la cosa.. In caso, che percorso c'è da seguire? chi pratica interventi simili? vorrei evitare bite e apparecchi, perchè oltre ad esser costati un capitale ai miei, non han portato miglioramenti soddisfacenti. Detto questo, vi ringrazio in anticipo. Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
prima di tutto la situazione va valutata da un collega gnatologo ed una volta risolto il problema articolare l'ortodonzista in collaborazione con lo gnatologo dovrà correggere la malocclusione
cordiali saluti