Utente 340XXX
salve dottori io ho eseguito un intervento per varicocele sx secondo tauber oramai un anno fà,dopo una serie di visite e miei lamenti di dolore e spiegazione precisa dei sintomi: formicolii agli arti-dolori a eiaculare- sperma a grumi-dolore sordo ai testicoli-dolori inguinali-irregolarità intestinale-male alla zona lombare della schiena-ecc....: lei nn ha niente vada tranquillo..qualche cura antibiotica e antidolorifica.... avendo sottovalutato il tutto i medici nel giro di ultimi tre mesi: funicolite sx-episodi di formicolii agli arti sia gambe che braccia settimanali(parestesie?quindi neurologo?)-epididimite sx poi dx - prostatite- leggera atrofia testicolare con bruciore testicolare(nn scritta naturalmente),stò aspettando esiti spermiocultura/ormoni-disturbi intestinali (feci molli e/o "secche") ECOGRAFIA transrettale: il resto è nei limiti di "norma",invece in sede paracentrale destra circoscritta alterazione iperecogena di tipo fibrocalcare in un area con maggior asse di 5mm(tipo piccolo focolaio di prostatite o suoi esiti) cos'è?si può curare?un altra cosa stare seduto è fastidioso accuso bruciore zona perineale e ingrossamento di una "vena" tra ano e testicoli,è infiammazione del nervo perineale?grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

ho l'impressione che lei stia vivendo i suoi due problemi ( varicocele e sospetta prostatite) in maniera eccessivamente "preoccupata" e senza l'assistenza della figura fondamentale, il Medico-Specialista che possa capire se l'intervento di Tauber sia stato condotto bene, se le possibili complicanze siano state risolte, se i disturbi nuovi che lei riferisce possano essere collegabili alla sua prostata, se ci sia un eccesso masturbatorio...
Da solo, pur con l'ausilio del WEB è difficile fare una diagnosi precisa
cari saluti..
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
grazie dottore per la risposta,
comunque dati alla mano

(Sospetta prostatite)
diagnosticata in pronto soccorso, di altra sede dell'intervento, alla prima di 3 episodi di risalite "esterne" del testicolo dx con dolore al funicolo e relativa cura antibiotica e antinfiammatoria
ho fatto di recente, di mia iniziativa, visita andrologica in centro fertilità con

-ecografia transrettale (calcificazione di 5mm alla base della prostata.....)

-esami del sangue(LH4.1 testosterone16.74....)effettuati alle 10 del mattino a digiuno

-spermiocultura "negativo",strano però visto che dopo la raccolta del campione ho avvertito bruciore all'uretra mai successo in 29 anni e in quei gg avevo febbricolite 37.5 e bruciore testicolare bilaterale e rossore visivo alle sacche scrotali naturalmente comunicato al tecnico del laboratorio e all'andrologo,nessuna risposta esauriente...

-tracce di sangue e cellule epiteliali con "++" infatti alla raccolta il colore del campione nn era bianco/panna classico ma giallognolo

ho già avuto ben 4 episodi di febbre 37.5/38 assieme al bruciore testicolare e sempre accompagnati da un lieve restringimento dei testicoli, giramenti e nausee. anche sè nn ho prove dirette come il volume in cc dei testicoli ma le mani mie e della mia,oramai, excompagna e la conchiglia di protezione delle arti marziali
i dati certi sono quelli della sperma in ml:
-prima dell'intervento 4.8-4.5-3.7-3.8 con 418-330 milioni tot,come vede calati nel tempo
-ora 1.8-2 ml con 78-86 milioni tot sempre con 4gg di astinenza

tra l'altro ho avuto varie infiammazioni dall'inizio dell'anno mai debellate in modo radicale,e lei lo sà meglio di mè, che provocano, assieme alle infezioni l'atrofia che è irreversibile

(Eccessiva masturbazione)
-praticavo molte uscite in bici stradale e sterrato
-nn credo che sia un problema di eccessiva masturbazione/rapporti, negli anni ho sempre cercato di dosarmi e nell' ultimo anno ancora di più, visti i dolori/fastidi che accusavo dopo l'atto..anche sè devo ammettere che forse la mia alimentazione nn bilanciata può aver contribuito alla infiammazione in anni (pochi antiossidanti: verdure..., poca regolarità intestinale quindi residui "tossici" nella parte finale dell'intestino assorbiti tramite il sistema linfatico, può essere?)

-il mio LH 4.1 e TES 16.74 sono bassi per un età di 29 anni?

-ci sono esami del sangue specifici per approfondire altri parametri ormonali (ipofisi/ipotalamo/atrofia testicolare) o altro per avere un quadro il più completo possibile visto che dal intervento accuso pure episodi di formicolii agli arti gambe e braccia(reazione allergica alla anestesia?) ?
l'anestesia è stata effettuata a livello locale nn spinale con lidocaina2%

-la calcificazione alla prostata può essere ridotta?

-il bruciore anale (nessuna emorroide) da cosa può essere causato?mi si accentua nel momento della eliminazione delle feci e se stò seduto troppo a lungo

-cè una dieta per ridurre sia l'infiammazione attuale che il rimanifestarsi della stessa?


attualmente stò assumendo: permixon 320 1al di per 6 mesi(altri5),perdol cps molli 2 al di, topster supposte 1,nicetile per parestesie,e mag 2 e molta acqua

grazie
[#3] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
gentile dottore
(Capire se l'intervento è stato condotto bene)
l'intervento(giugno2013) nn deve essere riuscito bene difatti l'ecografia post operatoria(4mesi dopo): ......il funicolo di sinistra a livello dell'ingresso nel canale inguinale risulta ispessito e circondato da tessuto ipocogeno verosimilmente di tipo fibrotico,esso risulta poco mobile con manovre funzionali....il resto è nella norma.il varicocele comunque nn c'era più ma si è riformato(lieve) e trovato in maggio di quest'anno.(infezioni/infiammazioni varie precedenti)
se contraggo gli addominali bassi sale solo il dx, il sx no. prima dell'intervento invece era bilaterale la salita.
in febbraio: flebite e relativa cura antibiotica e cortisonica
nota personale: ma sè la tauber provoca tutti questi danni perchè viene ancora proposta tutt'oggi?

grazie
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

cerchi di trovare uno specialista andrologo o urologo "in carne ed ossa" a cui far riferimento.
Il WEB , a mio parere, non la può aiutare
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
caro dottor Pozza,

nn voglio sembrare scortese, (lo ammetto cè di tutto e uno nn esperto con difficoltà riesce a districarsi nell'infinità della rete e impazzisce) ma sè nn mi fossi informato tramite il web cercando i sintomi e le patologie,nonostante abbia chiesto al medico di base che cambierò il prima possibile, nn mi sarei imbattuto nella figura dell' andrologo, che esercita in centro fertilità, da cui io attualmente sono seguito è stato l'unico (dopo 5 specialisti ai quali avevo ESPOSTO i sintomi) che mi ha prescritto le ecografie (addome/transrettale..), esami vari di laboratorio(sperma-feci-ormoni.....) da ripetere a distanza e MAI effettuati prima, per poi prescrivermi le terapie che mi auguro siano adeguate e risolutive .lo specialista che mi aveva suggerito l'intervento è un urologo-chirurgo mentre l'attuale è un andrologo che ha ammesso che nn ero da operare...a causa del nn avermi ascoltato e l'aver sottovalutato il mio caso clinico, nell'arco di un anno intero,ora ho problemi (leggera atrofia-prostatite...) che a fatica li risolverò ad un età di 29 ANNI ........CA'VOLO...

nn credo sia il suo caso ma dica ai suoi colleghi di ascoltare di più i pazienti,...ogni tanto...

grazie e cari saluti