Utente 349XXX
Buongiorno,
Vorrei sottoporle gli esiti delle analisi del fenotipo linfocitario.
Sto facendo alcuni accertamenti per poliabortività, alle spalle ho due aborti spontanei entro l'ottava settimana e due gravidanze biochimiche.

Io ho 30 anni, e mio marito 29, da più di tre anni tentiamo di avere un figlio.
Ho un ciclo regolare di 28 giorni, ma con ovulazione al 21° e di conseguenza fase luteale corta.
La causa della nostra infertilità è stata imputata alla scarsa qualità dello sperma di mio marito, i risultati sono altalenati (astenoteratozoospermia o oligozoospermia), sopratutto nella quantità, nella motilità e nella morfologia.

Ad oggi siamo in cura presso un centro di procreazione assistita, abbiamo già affrontato due IUI concluse nel primo caso con esito negativo e nel secondo caso con una biochimica. Il prossimo tentativo sarà una FIVET a luglio.

Mi chiedo se gli aborti che abbiamo avuto si possano imputare solo alla morfologia atipica degli spermatozoi che riescono a fecondare l'ovulo o possano dipendere anche da me.

I miei esami preconcezionali e gil accertamenti post aborto su mutazioni genetiche, test emocoaugolativi, di flogosi, immunopatologia e protidogrmma sono sostanzialmente nella norma; tranne:
Valore A.P.T.T fibrinogeno 183 mg/dl - v.n. 200-400
Valore Protidogramma Rapporto A/G 2,01 ratio - v.n. 1,2-1,7

Le riporto qui sotto gli esiti:
Marcatori linfociti T
CD3 66%. 1122/mm3
CD4 34% 578/mm3
CD8 25%. 425/mm3
CD4/CD8 1,36
Marcatori linfociti B
CD19 14% 238/mm3
SmIgk 7,5%
SmIgl 6%
SmIgk/SmIgl 1,2
Marcatori dei linfonodi citotossici
CD56 20%
CD3+CD56 2%

Esami al 3' di ciclo
Ormone antimulleriano 51,27 pM 7,18 ng/ml
Lh 7,6 mU/mL
FSH 6,81 mU/mL
Estradiolo 32ng/L
TSH 1,30 mUI/L

La ringrazio molto


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Secondo quanto riferito (e quanto esplorabile) non sembra esistere una componente immunologica a Suo carico.
Se la condizione già dimostrata per Suo marito è ritenuta dai colleghi ginecologi in grado di giustificare gli insuccessi, non vedo perché si debba ipotizzare la presenza di una problematica ulteriore.
Vi auguro sinceramente un buon esito al prossimo tentativo.