Utente 245XXX
Buonasera,in data 05/12/2013 mi è stata riscontrata la frattura alla base della falange intermedia del 5° dito ( distorsione lfp con infrazione base F2) immobilizzato con stecca per 1 giorni.
Tolta la stecca il dito appare gonfio e rigido,comincio ciclo di terapia nel frattempo il dito si sgonfia ma rimane bloccato altezza prima falange.
Eseguo una nuova radiografia con diagnosi di: "Un pò assottigliata la rima articolare interfalangea prossimale ove si rilevano ispessimento di parti molli periarticolari e sottile lamella ossea come per eiti di distcco traumatico lungo il profilo palmare della base della falange intermedia".
Ora,a distanza di quasi 7 mesi la situazione non è cambiata,dito rigido,rossore e dolore con la particolarità che,appoggiando le dita dell'altra mano ( pollice ed indice ) sul dito frattutato sento qualcosa di spostato mentre cerco di muoverlo,addirittura rumorino come un "tac"! Cosa mi consigliate di fare? Grazie per un'eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

per prima cosa bisognerebbe capire esattamente cosa è avvenuto all'interno dell'articolazione IFP (interfalangea prossimale) facendo una RM.

In ogni caso, va fatta una kinesi-terapia quotidiana (attiva e soprattutto passiva), più volte al giorno, per sbloccare l'attuale rigidità articolare.

Qualsiasi intervento successivo non potrà essere fatto se la IFP rimane rigida.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la rapidissima risposta e la professionalità,credo farò prima una RM per capire bene.Saluti e buon lavoro.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.