Utente 346XXX
Buona sera dottori.
Sono un ragazzo di 22 anni,e stanotte mi è accaduto uno spiacevole evento.
Io e la mia ragazza stavamo per praticare un rapporto sessuale non protetto,ma cioè mi è risultato impossibile dato che alla PRIMA penetrazione ho avvertito un dolore/bruciore abbastanza forte nella parte bassa destra del pene. Mi sono fermato subito e non ho mandato avanti il rapporto. Ci riprovai poco dopo cn il preservativo,ma ottenni lo stesso risultato solo nell'applicare quest'ultimo e mi fermai.
Pochi minuti dopo cn mia spiacevole sorpresa noto un arrossamento notevole del glande sul lato destro e un "rigonfiamento a fascia" (un edema credo) nella pelle sotto al glande (tra la cappella e il prepuzio,sotto la corona) solo nel lato destro,che mi provoca fastidio durante lo scappellamento.
Allarmato,stamattina mi sono recato in un centro Mst dove mi hanno tranquillizzato dicendomi che era una cosa solo ed esclusivamente a livello "traumatico" un abrasione data magari dalla scarsa lubrificazione delle parti,anche se ho i miei dubbi.
Il medico sul rapporto ha scritto : "Riferisce rapporto cn partner fissa questa noote,in seguito comparsa di tumefazione(!!??!??) al solco balano-prepuziale. Alla visita odierna presenta area disepitelizzata post-traumatica a livello balano-prepuziale".
Mi è stato prescritto per 5 giorni 2 volte al di di tamponare le parti lesionate con Eosina soluzione acquosa 2% e una volta finito questo trattamento di usare almeno una volta al giorno della Crema base Essex.
Da quanto ho letto su internet tutto ciò poteva guarire anche in maniera spontanea(?),dopo la prima applicazione di Eosina l'irritazione sembra già passata ma il gonfiore persiste imperterrito e il mio glande per via della soluzione è completamente rosso.
Bene dottori miei dubbi erano riguardo al PERCHÈ? di questa cosa, ho sempre avuto rapporti protetti e non,di varie intensità e non mi è mai successo nulla di simile,è sempre andato tutto bene e ora proprio alla PRIMA penetrazione mi devo fermare per questo dolore improvviso.
La mia domanda è se anche voi crediate che sia solo un trauma,(escludo l'infezione perchè il procedimento di gonofiore e arrossamento è stato immediato)e se questo gonfiore al lato destro passerà e in quanto, e se c'è la probabilità che alla prossima occasioni ritorni a provare questo dolore o tornerà sicuramente tutto a posto.
Mi scuso per il papiro ma nel giro di un mese questo è il secondo problema che ho a riguardo, il primo fu un mollusco contagioso,quindi sono un pò preoccupato e demoralizzato e spero di non avere più questi problemi che anche se di bassa entità (da quello che ha detto il dottore) mi deprimono abbastanza... anche perchè non è mai bello fare queste figure con la propria partner..e io ho solo 22 anni,e davvero vorrei tornare sereno e tranquillo nel praticare l'atto sessuale che dovrebbe essere una cosa bella e piacevole senza queste inutili complicazioni.

Grazie per la gentile attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

una stimolazione sessuale, manuale o penetrativa rappresenta sempre, comunque, un "trauma" per la cute e la mucosa del glande.
una buona lubrificazione, consentendo un ottimale scorrimento evita il trauma ma movimenti particolari, manovre forzate possono creare una piccola alterazione della superficie epiteliale creando la piccola lesione
mi sembra che sia stato trattato bene
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 346XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la sua risposta dottore.
Quindi stiamo parlando sicutamente di "trauma" giusto?
Vorrei anche avere delucidazioni su questo rigonfiamento che sembri non passare,e se appunto quando potrò ricominciare dopo questi 5 giorni la mia attività sessuale,con o senza rigonfiamento,grazie a queste cure non sentirò appunto più questo dolore ?
E' una normale conseguenza del trauma questo rigonfiamento?

La ringrazio ancora per la sua risposta e le sarei immensamente grato se pottesse soddisfare anche queste mie ultime curiosità.

Cordialità