Utente 737XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 30 anni; mi sono operato di varicocele sx di secondo grado in laparoscopia ad ottobre 2006. In seguito all'operazione, il mio spermiogramma è peggiorato nel corso di questi due anni, sia con la riduzione del n. di spermatozoi (da 240 milioni a 144 milioni), sia per quanto riguarda la mobilita' (dal 20% al 10%); per tale motivo ho fatto una nuova visita ed è risultato di nuovo un varicocele di secondo grado a sx ed un varicocele di primo grado a dx ed il medico (che ho deciso di cambiare) mi ha detto che in queste condizioni la possibilità di fare un figlio è nulla e che mi devo operare di nuovo a tutti e due i lati e che si meravigliava sia del fatto che l'intervento mi è stato fatto in laparoscopia essendo tale tecnica ormai superata da 15 anni per tale forma di intervento e sia che dopo l'operazione non mi è stata data nessun tipo di terapia da seguire. Vorrei sapere come mai è possibile la formazione nuovamente del varicocele e se è stata sbagliata l'operazione precedente e quali possibilità ci sono di fare un figlio in queste condizioni e se ci possono essere miglioramenti con eventuale nuova operazione e se è il caso di effettuarla. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
la possibilità di una recidiva, dopo un intervento di correzione di un varicocele, qualsiasi tecnica venga usata, è una situazione clinica non infrequente. Le indicazioni sulla qualità del suo liquido seminale non sono tali da permetterci di darle una risposta precisa sulla sua "fertilità". Infine su cosa fare, cioè se ricorreggere chirurgicamente il o i varicoceli riscontrati o se impostare una terapia farmacologica, solo l'andrologo che potrà valutarla in diretta , dopo avere studiato attentamente tutta la sua situazione clinica , potrà darle le corrette indicazioni.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com