Utente 350XXX
buongiorno a tutti,
scrivo qui perchè ho un problema di erezione.

intanto mi presento e vi dico che ho 30 anni, ho una ragazza con cui sto bene da più di un anno e fino a circa 3 settimane fa andava tutto bene "a letto".
dopodichè ho cominciato ad avvertire i primi problemi di erezione: in pratica durante i preliminari non ne voleva sapere.
in altre occasioni invece l'erezione avveniva ma durante il rapporto durava poco salvo poi finire interrompendolo.
brevemente è quello che mi è successo.
nel mezzo comunque ci sono state delle volte in cui tutto ha funzionato per il meglio e quindi non credo di avere una disfunzione erettile ma credo di avere qualche problema psicologico, in quanto capita che quando l'atto sessuale è scontato ho problemi, quando invece non lo è tutto funziona per il meglio.
per di più, dopo queste volte in cui ho avuto problemi , sento dentro di me un'ansia che non mi aiuta di certo per i rapporti che dovrei fare, ho paura di fallire di nuovo e questo è un gran problema che non riesco a rimuovere.
la mia ragazza all'inizio mi tranquillizzava, ma ora anche lei giustamente inzia a farsi qualche domanda (normale) e non voglio che le cose tra di noi vadano male perchè sono innamorato e lei mi piace ancora, provo del desiderio nel voler farlo con lei.

devo dire che in questo periodo lavorativamente parlando sono molto stressato: ho anche consultato il mio medico di base per vedere se è tutto ok ma anche lui ha dato la colpa allo stess.

ecco la mia domanda: prima cosa, essendo così preoccupato vorrei sapere con chi posso parlare (andrologo o psicologo?)
secondo: avete qualche consiglio da darmi?

grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,va da se che,metodologicamente,porre una diagnosi andrologica di primo livello,basata su di un esame obiettivo e le indagini ormonali,ed,eventualmente ,proseguendo con un ecodoppler penieno dinamico,permetterà di quantizzare gli aspetti psicogeni che,fatalmente,incidono sul quadro clinico.Non perda altro tempo ed individui,con il medico di famiglia,lo specialista idoneo.Cordialità.