Utente 652XXX
Salve circa 5 mesi fa ho fatto una visita da un urologo il quale mi ha diagnosticato una lieve prostatite e dellepiccole calcificazione, cura antibiotica e supposte per 3 volte a cicli da 10 giorni, cura dell'alimentazione e no troppo tempo seduto.
Termina la cura tutto ok.

Ora da qualche giorno avverto nuovamente un lieve fastidio al testicolo sx e non so se sia un coincidenza me è da quando ho smesso di fare pause al lavoro alzandomi max dopo un'ora per fare una camminata.

Posso rinviare un'ulteriore visita a settembre?
vado incontro a qualcosa?

Vi ringrazio anticipatamente

Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Marco,
se non è possibile fare una attenta valutazione clinica urologica immediata , riprenda a seguire almeno tutte le indicazioni comportamentali e dietetiche che le furono consigliate 5 mesi fa. Se i sintomi si intensificano allora bisogna, senza tergiversare, risentire il proprio urologo.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 652XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio infinitamente per la risposta...
prenoterò la visita di controllo dall'urologo.
Ma quali sono le principali cause di prostatite?
è normale che già a 30 abbia questo tipo di problema? mi sembrano argomenti da trattare over40 o 50.

Grazie ancora per la vostra disponibilità

Marco
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
purtroppo una prostatite può colpire anche gli under 30 e le cause possono essere varie ma soprattutto quelle più frequenti sono le prostatiti causate da vari microrganismi (batteri, virus , bedsonie , chlamydiae, ecc, ecc).
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 652XXX

Iscritto dal 2008
Capito...
Ma a questo punto sono recidive oppure una volta debellate se non si è predisposti non ritorna più? potrebbe essere trasmesso dal partnes anche se lei non ha nessuna sintomalogia?

grazie ancora per tutto...

Marco
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
purtroppo questo tipo di patologia è caratterizzata da recidive e bisogna sempre essere attenti ad una eventuale trasmissione "a ping pong" con la partner. Anche in questa prospettiva bisogna sempre monitorizzare e controllare la situazione con il proprio urologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemedra.com
www.andrologiamedica.org
[#6] dopo  
Utente 652XXX

Iscritto dal 2008
Immaginavo, infatti farò sottoporre anche la partner a dei controlli...
Ho fatto la visita proprio ieri e mi è stata riscontrata un'ascesso di 8mm, terapia nuovamente però per 2 mesi anzichè 3.

Ma non potrò mai più bere una birra o mangiare piccante per il resto della mia vita?
Sarò sempre soggetto e predisposto a questa prostatite?

Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso per la miriade di domande ma mi piacerrebe tanto sentire più pareri.

Una buona giornata

Marco
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
in questo periodo è bene evitare comportamenti dietetici "pericolosi". Poi: mai dire mai!
Bisogna comunque monitorizzare il problema nel tempo con il proprio andrologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com