Utente 553XXX
Sono anni che imperterrito procedo a fare visite presso specialisti per il mio problema di disfunzione erettile ma quasi tutti continuano a liquidarmi dicendomi che è un problema psicologico. Ho detto quasi tutti perchè la mia ultima esperienza è leggermente diversa, anche se non del tutto esauriente come io avrei voluto. Due mesi fa ho effettuato un consulto presso uno specialista andrologo della mia città. Esponendo il mio problema (nell'arco della mia vita è come se non avessi mai avuto un'erezione davvero consistente, e ora come non mai quasi del tutto assente), il dottore senza appurare cause o prescrivermi esami o controlli di ogni sorta, mi ha detto che ci sono dei casi indecifrabili. Ragazzi della mia stessa età che riscontrano questo mio problema di disfunzione ma che sse sottoposti all'ecodoppler penieno reagiscono positivamente. Insomma per farla breve, mi ha prescritto solo del sildenafil da prendere al momento del bisogno. Ora, il viagra fa il suo effetto ed un'erezione così consistente nell'arco dei miei 26 anni non l'ho mai notata, ma sono sempre insoddisfatto, per me questo non è un rimedio, non è la soluzione. Voi cosa ne pensate? Devo rassegnarmi o affidarmi a qualche altro specialista? Il viagra mi impedisce di vivere serenamente e liberamente una storia con una ragazza, io a 26 anni voglio vivere liberamente la mia sessualità senza nascondermi dietro pilloline, voglio almeno venirne a capo e capire da cosa realmente dipenda questo problema invadente e invasivo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il ricorso a terapie con farmaci pro erettili non va considerato penalizzante,bensì,piuttosto,gratificante,se inserito in un programma diagnostico terapeutico rigoroso e,quindi,a terrine.Non ci aggiorna sugli ultimi riscontri diagnostici,vascolari,ormonali e clinici,per cui non é possibile ipotizzare altro che non le sia stato già detto dal collega ultimo.Gli aspetti psicologici sono sempre presenti e,se non affrontati,comportano un'influenza sempre maggiore sul quadro clinico.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 553XXX

Iscritto dal 2008
Il problema è che non c'è alcun programma in atto. La terapia per il medico è a vita. Non mi sono stati prescritti controlli e analisi quindi non posso fornirLe/Vi riscontri di qualsivoglia genere.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non consultare un esperto andrologo,significa,fatalmente,reiterare a noi la inutile richiesta di un aiuto che,senza una diagnosi andrologica rigorosa,da vita a fantasie e conclusioni pessimistiche. Cordialità.