Utente 212XXX
Salve, sono un uomo di 44 anni alto 191cm e peso 82kg, circa 4 anni fa ho subito tre interventi per ablazione di flutter, di tachicardia atriale e di TPSV. Da allora sto benino e faccio tutto ciò che facevo prima anche se con un pò di moderazione, soprattutto nello sport. Per poter condurre una vita normale però ho necessità di assumere due compresse al giorno di Rytmonorm 150 altrimenti, soprattutto durante gli sforzi, mi partono sporadiche extra sopraventricolari isolate, che possono durare da un minuto a un giorno intero. Di solito ne conto una ogni 20-30 secondi. Ho notato che la durata dipende anche da quanto sono stanco fisicamente. Naturalmente tutti gli anni eseguo un holter ed una eco. Dall'ultima eco gli atri risultano ingranditi ed è presente un lieve rigurgito mitralico. Secondo il medico che mi ha visitato, i miei atri (ma anche un pò i ventricoli) sono grandi poichè sono grandi tutte le dimensioni del mio corpo e non riterrebbe che sia una patologia.
Volevo sapere se le extrasistole, oltre che un effetto collaterale delle ablazioni, potrebbero dipendere anche dalle dimensioni degli atri/ventricoli e dalla valvola mitrale. Inoltre, siccome sono lievemente bradicardico, con 52-56 bpm di giorno (la notte anche a 48bpm) è consigliabile la terapia con Rytmonorm 150? Visto comunque che questo farmaco funziona contro le extrasistole, potrei provare ad assumere una sola compressa al giorno, magari solo al mattino, ed evitare di assumerla la sera quando poi la frequenza del batito cardiaco si abbassa ancora durante la notte? Grazie per la risposta e complimenti per il vostro lavoro.

Massimo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
La permanenza delle extrasistoli è conseguenza della presenza di una malattia elettrica striale come documenta la necessita' di effettuare ablazioni di flutter e di tachicardia striale e la presenza di un ingrandimento striale all'ECO. Se il Rytmonorm riesce a ridurre in modo efficace le extrasistoli lo continui senza problemi. Non ha un grosso effetto sulla bradicardia e il dosaggio (150mg) è basso . Prenderne una sola non ha senso. Inoltre il farmaco non influenza la frequenza cardiaca e la bradicardia che lei riscontra è assolutamente normale
cordiali saluti