Utente 122XXX
Salve! Desideravo un chiarimento. Mia madre, 76 anni, 5 anni fa è stata operata di Ka al colon. L’esame istologico non ha comportato il ricorso a cure chemioterapiche, radiologiche o comunque farmacologiche. L’oncologo ci ha, però, suggerito di effettuare periodicamente dei controlli preventivi, tipo TAC, Ecografia, controllo delle feci, etc. L’anno successivo è stata sottoposta ad un nuovo intervento alla vulva. Per fortuna, l’intervento dell’anno precedente non ha mostrato recidive e ci è stato confermato che si trattava di una nuova e diversa problematica non collegata alla vecchia. Ha subito una vulvectomia radicale. Anche questo relativo esame istologico non ha comportato il ricorso a cure chemioterapiche, radiologiche o comunque farmacologiche. Da allora è stata sottoposta a continui controlli semestrali: TAC con e senza MdC, ecografie, mammografie, Pap Test, Antigene SCC. Tutti i controlli sono sempre stati nella norma. Nell’ultimo controllo, però, dalla TAC con e senza MdC e Antigene SCC sono emerse due cose: una calcolo di dimensioni 7,5mm della colicisti e un valore dell’SCC al di sopra della norma: 2,1, invece di essere nella norma tra 0-1,5 come si legge nel foglietto del laboratorio analisi. Poichè in Rete ho letto che i valori dell'SCC possono essere alterati anche dai calcoli della colicisti, si può ritenere che l'aumento dell'SCC sia dovuto a questo, oppure ci si deve preoccupare delle ricomparsa del tumore? Grazie anticipatamente della risposta. Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, l'antigene SCC è poco alterato, quindi non fortemente significativo ed in relazione al problema vulvare, quindi di maggior interesse ginecologico. Il problema della calcolosi della colecisti senza segni di infiammazione, come sembra, è un problema a parte e se non c'è sintomatologia di pertinenza non vi è un'indicazione chirurgica al momento.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Egregio dottore, la ringrazio per l'intervento. A suo avviso, 'improvvisa crescita del valore dell'SCC a 2.1 (a gennaio era 1.2), deve preoccupare? E' un campanello d'allarme? Cosa potrebbero, in tal caso, fare i suoi colleghi non appena la sottoporranno a visita di controllo tra qualche settimana, ammesso che non sia in caso di fargliela antcipare? Grazie anticipatamente.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente il valore è lievemente alterato, quindi non altamente significativo ma lo faccia visionare allo specialista che lo ha richiesto. Se non vi è nulla di evidente con gli ulteriori esami richiesti per il follow- up e clinicamente, ritengo che glielo faranno ripetere per monitorizzarlo nel tempo.
Saluti